Kobane ha resistito. E noi?

 

kobane-page-001_1131x800[1]

Forse dovremmo coltivare oasi di resistenza nel nostro cuore,

nella nostra mente, nei nostri sogni, nei nostri gesti,

nei nostri sguardi e nelle nostre scelte.

Coltivare e custodire oasi di resistenza da un pensiero unico

che vuole allineare tutto e tutti, mitizzando diritti individuali per

omologazioni collettive, bandendo la ragione per legiferare l’irreale,

promettendo libertà per le gabbie di domani.

E quelle gabbie saranno diverse da quelle del passato, perché quelle

sbarre le costruiremo noi stessi, nel nostro cuore, nella nostra mente,

nei nostri sogni, nelle nostre azioni…

Dobbiamo coltivare oasi di resistenza, vere “terre di mezzo” dove il potere

non potrà mai trovare possibilità di accesso.

Dove molteplici  diversità

concorreranno alla creazione di un bene comune.

Imitando la resistenza dei curdi a Kobane, contro l’Isis.

Siamo chiamati a prendere esempio da questi uomini e da queste donne

che in nome della libertà sono disposti a sacrificare la propria vita,

facendolo anche per noi tristi e pavidi europei.

Kobane ha resistito.

E noi nel frattempo, cosa facciamo?

Part-PAR-Par8087458-1-1-0[1]

Leggi : http://www.limesonline.com/dentro-kobane/76243

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...