Quale stella seguire?

Auguri di seguire la stella, la vera luce, quella che irradia il cuore e rende nuove tutte le cose. Che questa notte infonda la pace e che aumenti sempre più il desiderio di diventare generatori di speranza.

Auguri di trovare il coraggio, che è luce nella notte delle nostre paure. Per sentirci promotori di un nuovo umanesimo, partecipando alla Creazione che è in continuo divenire e che necessita della presenza di uomini e donne di buona volontà, senza alcuna distinzione. Nell’ardore di farci cooperanti di vera bellezza, costruttori di “terre di mezzo”, dove il deporre le armi per ritrovarsi fratelli, riflette il dono ricevuto da quella promessa che vuole giustizia e misericordia, sempre.

Auguri di pace e di umanità, perché quella luce irradi il buio dei nostri egoismi e delle nostre individualità. E della nostra indifferenza. Perché quella stella ci conduca a proseguire oltre la comodità del nostro “io” per generare un “noi” solidale. Sentendo il desiderio ardente di lavorare per un bene più grande, che anela nel cuore di ognuno. Un cuore che pulsando dono di sé produce battiti di eternità.

Auguri di buon Natale a tutti e buon cammino della vita.

 

Segui la stella

La vera bellezza è come una stella che splende nel cielo
nel firmamento se ne distingue la grazia
irradia una luce celata da un velo.

La sua visione è augustea come Domitilla…
una tra miriadi nel silenzio della notte
dal cuore sincero nasce l’alborea scintilla

Segui la stella, per cercare la pace, l’armonia, la bellezza.
Segui la stella, per scoprire il tuo cuore e respirare battiti di eterno.
Segui la stella, per contemplare la vera luce che rende nuove tutte le cose.

da “La piuma”, di Simone Caruso

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE

La notte di 101 anni fa accadde un evento sensazionale, il miracolo della tregua di Natale. Era la notte del 24 dicembre 1914, nel corso della Prima Guerra Mondiale.

Un evento per la sua straordinarietà unico e irripetibile, un gesto eroico e coraggioso, nel contesto di un odio interstatale che aveva già causato un milione di morti. Una luce squarciò il buio dell’odio durante lo storico Armistizio di quella notte. Gli eserciti inglese e tedesco deposero le armi incontrandosi tra le due trincee, nella cosiddetta terra di nessuno, che si tramutò in una terra di fratellanza. Tutto scaturì al canto “Astro del Ciel” intonato da entrambi gli schieramenti nelle rispettive lingue.

Allora è possibile lasciarsi condurre verso nuovi itinerari, lungo spazi di libertà che esulano l’interesse di parte. Costruendo luoghi che diventano segno di appartenenza, di pace e di fraternità.

Mettiamoci in cammino, dunque, e seguiamo quella stella. Per cercare questi luoghi e per renderli fecondi.

 

 

 

 CRISTIANI E MUSULMANI ADORANO INSIEME GESU’ BAMBINO

Un’altra terra di mezzo è visibile in questo video, girato nei giorni scorsi in una chiesa della Giordania. Un ecumenismo di popolo: Cristiani e musulmani adorano la statua del bambin Gesù, a pochi giorni dal Natale. Semplicemente meraviglioso! E dire che il sito internet che ha trasmesso questo video si chiama Allah Akbar! Un video emozionante, da contemplare per la sua sua bellezza. Abbattendo l’ideologia germoglia l’umanità e la pace nei cuori.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...