Il perdono salverà il mondo

Una delle scene cinematografiche più emozionanti e belle di tutti i tempi, tratta dal film Mission. Quando il mercenario e cacciatore di Indios Rodrigo Mendoza (Robert De Niro), dopo avere ucciso per motivi passionali suo fratello a duello e aver tentato di lasciarsi morire per il rimorso, si converte grazie all’incontro col gesuita padre Gabriel (Jeremy Irons). Decidendo così di iniziare un estenuante percorso di penitenza e di conversione, trascinando con sé una lunga fune e la propria armatura, rinchiusa all’interno di una rete, sopra cascate e dirupi scoscesi. Rodrigo cammina per giorni portandosi dietro il suo sacco, la sua zavorra, il suo peccato… fino a quando accoglie il perdono degli Indios e poi quello verso se stesso.

Ed è lo stesso indio che avvicinandosi col coltello per ucciderlo, lo usa invece per tagliare la fune e far cadere il sacco nel fiume. Liberando così Rodrigo, che con un pianto liberatorio sente finalmente l’amore incondizionato di Dio verso di sé.

Una scena stupenda, all’interno di un film meraviglioso, che descrive in modo sublime la bellezza del perdono, la scintilla miracolosa che unisce cielo e terra in un abbraccio. Quel sacco lasciato cadere nel fiume è l’autentica rivoluzione del nostro tempo, un tempo dove l’odio e il desiderio di sopraffazione reciproci sembrano le regole imprescindibili del vivere comune.

Un tempo dove il perdono salverà il mondo, liberandolo e liberandoci dalle zavorre del peccato.

«Laddove è abbondato il peccato ha sovrabbondato la grazia»

San Paolo nella lettera ai Romani (Rm 5,20)

3 pensieri riguardo “Il perdono salverà il mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...