La nostra identità dinanzi ai tre bambini morti annegati nel Mediterraneo

3 bambini migranti morti nel mare

Se possiamo accettare tutto questo senza provare dolore e rabbia significa che abbiamo perso definitivamente la nostra dignità di esseri umani.

L’abbiamo calpestata e svenduta per trenta denari…il prezzo della vergogna, che ci rende responsabili della morte e del sangue di tante persone.

Perché si tratta di persone innanzitutto.

Quelli che si vedono nella foto sono infatti più di tre bambini morti annegati a causa del naufragio dell’imbarcazione dove si trovavano.

Questi bambini rappresentano la morte delle nostre coscienze, sono un grido violento e assordante contro la nostra tranquillità ostentata, contro il nostro trattare le persone come merce, contro la nostra indifferenza.

Sono lo specchio della nostra identità, ormai morta.

Ma tranquilli, perché questa ingiustizia non rimarrà senza conseguenze.

Prepariamoci a una prossima e legittima invasione, perché non è coi porti chiusi, con gli slogan populisti e con i muri che si costruisce il proprio futuro, lo si fa soltanto custodendo e proteggendo il senso dell’umano. 


L’alternativa è soltanto la morte.