La nostra identità dinanzi ai tre bambini morti annegati nel Mediterraneo

3 bambini migranti morti nel mare

Se possiamo accettare tutto questo senza provare dolore e rabbia significa che abbiamo perso definitivamente la nostra dignità di esseri umani.

L’abbiamo calpestata e svenduta per trenta denari…il prezzo della vergogna, che ci rende responsabili della morte e del sangue di tante persone.

Perché si tratta di persone innanzitutto.

Quelli che si vedono nella foto sono infatti più di tre bambini morti annegati a causa del naufragio dell’imbarcazione dove si trovavano.

Questi bambini rappresentano la morte delle nostre coscienze, sono un grido violento e assordante contro la nostra tranquillità ostentata, contro il nostro trattare le persone come merce, contro la nostra indifferenza.

Sono lo specchio della nostra identità, ormai morta.

Ma tranquilli, perché questa ingiustizia non rimarrà senza conseguenze.

Prepariamoci a una prossima e legittima invasione, perché non è coi porti chiusi, con gli slogan populisti e con i muri che si costruisce il proprio futuro, lo si fa soltanto custodendo e proteggendo il senso dell’umano. 


L’alternativa è soltanto la morte.

“Shemà Israel!”

Svegliati Israele, dal sonno della ragione, schiavitù del potere, da questo delirio di onnipotenza che è penetrato nella tua anima.
Svegliati prima che tu ti possa rendere conto del senso di profonda vergogna da cui non ti sarà più possibile liberarti.
Svegliati dalla paura che condiziona ogni tua scelta e che erge muri sul futuro, facendo morire la speranza in un mondo nuovo.
Svegliati dall’odio, perché l’odio genera odio e prima o poi tutto il sangue che scorre a causa tua si rivolgerà contro di te.
Svegliati Israele e ritrova la tua coscienza, il desiderio di sentirti un popolo che accoglie un altro popolo, lo tutela e lo protegge.
Ascolta Israele…Shemà Israel! Prima che sia troppo tardi, e forse già lo è.
Perché soltanto riscoprendo e coltivando l’amore potrai continuare a vivere e sperare, diversamente sarà per te la fine.

 

Svegliati Israele...

Opponiamoci alla “cosificazione della vita umana”

Il giurista Ugo Mattei, professore di diritto internazionale e comparato all’Università della California di San Francisco e professore di diritto privato all’Università di Torino, spiega le conseguenze dell’interconnessione globale degli oggetti e, molto presto, degli uomini (l’internet delle cose, “the internet of things”), delinea la fine dell’epoca basata sul diritto amministrato dai giuristi, e la fine stessa dei nostri diritti.
Probabilmente il titolo del servizio rischia di essere limitante e fuorviante in quella che invece è un’analisi assolutamente acuta e di elevato spessore culturale, che spazia su moltissimi aspetti e tematiche. Un’analisi che necessita di essere ascoltata più di una volta e approfondita, vista la complessità degli argomenti trattati.
Mattei spiega molto bene il progressivo stravolgimento dello status attribuito alla persona umana, che da individuo è diventato merce, “soggetto umano come categoria merceologica” fino a mera “cosificazione della vita umana”.
Stiamo attraversando una fase storica di processo di dissolvimento dell’individuo e della sua libertà, attraverso l’omologazione massiccia e standardizzata imposta dal potere: è l’ideologia iperliberista del capitalismo, che pianifica, controlla e impone tutto. Come qualsiasi dittatura. E l’individuo è morto, perché al posto dell’anima ha sostituito il profitto. In base a quanto vali tu sei, se non vali vieni scartato…”per il tuo maggiore interesse” ti viene detto.
Come sostiene Mattei è urgente rispondere e opporsi a questa nuova deriva totalitaria (a ben guardare molto più pericolosa di nazifascismo e comunismo, perché si presenta come subdola proposta di felicità terrena, la soluzione immediata ai bisogni emotivi e irrazionali dell’individuo), creando “obblighi collettivi di resistenza”.
Riscoprendo l’unità, la solidarietà e la condivisione. Coltivando spazi di appartenenza, che come dice Gaber sono connaturati nel “noi”, e riflettono quel desiderio ardente di eternità custodito in ogni cuore.

 

 

Grazie Alfie, per la forza manifestata nella tua fragilità.

Grazie perché in te si è rispecchiata la Vita, al di là delle futili contrapposizioni ideologiche della nostra miseria umana.

Grazie perché nel tuo silenzio hai parlato alle coscienze di tutti, hai smosso le coscienze di molti, hai interrogato sul senso del nostro vivere.

Grazie per averci lasciato tanto e per essere stato una fiammella di luce nella notte.

Una scintilla di eternità, che risplenderà per sempre.

 

alfie_2018_instagram_thumb660x453

Syria sotto attacco delle fake news di USA, Francia e Gran Bretagna (con l’appoggio servile italiano)

Trump missili in Syria.png

#Siria Alle ore 3.55 di stanotte è iniziata la tripla aggressione criminale di Usa, Francia e Gb con 100 missili tomahawk su diversi zone nei pressi della Capitale #Damasco La produzione di ognuno di essi ha un costo di $1.87Milioni, per un totale di $224M. Un atto non autorizzato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e in piena violazione di norme e principi del diritto internazionale.

Tutti i media occidentali hanno dato e continuano a dare per certo che i missili avrebbero colpito arsenali chimici vicino Damasco e Homs, giustificando l’azione promossa da Trump. Nessun organo di informazione però si chiede le conseguenze del lancio di questi missili sulla popolazione, dopo aver colpito i citati depositi di stoccaggio di armi chimiche…anche soltanto un plausibile disastro ambientale ad esempio.
Quasi in contemporanea ai missili lanciati dagli Alleati occidentali, la zona a sud di Damasco è stata attaccata da milizie jahidiste affiliate con l’Isis…
Forse è il caso di aprire gli occhi, dopo aver tappato la bocca.
Abbiamo idea delle gravi conseguenze che porterà con sé questo attacco scellerato? Come sostiene il bravissimo giornalista Alberto Negri (uno dei pochi ancora libero di dire ciò che pensa) “si tratta dell’ennesima tragica commedia mediorientale che non porterà benefici ai siriani e ai popoli mediorientali”.

E’ inoltre bene ricordare che oggi è iniziato il lavoro dell’OPCW – Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche con sede all’Aia, nei Paesi Bassi – da tutti considerata seria e affidabile. Questa organizzazione internazionale aveva già certificato nel 2013 la completa distruzione dell’arsenale chimico di Assad. Valeva forse la pena di attendere i risultati delle analisi sul terreno prima di lanciare missili su Damasco e Homs.

MISSILI USA

Non esiste alcuna prova fondata delle responsabilità del governo siriano nell’attacco con uso di armi chimiche del 7 aprile (anch’esso da dimostrare) sui civili. È gravissimo quello che sta avvenendo, tra l’altro con l’appoggio dei media nostrani (Rai e Sky stanno facendo una propaganda vergognosa a favore dei bombardamenti USA, Francia e GB). Ritengo che i nostri politici (veramente patetico il Presidente del Consiglio Gentiloni che come un cagnolino ripete il mantra delle armi chimiche di Assad e al tempo stesso invoca operazioni di pace, pur concedendo le basi di Sigonella agli aerei alleati…mah!) come rappresentanti del popolo dovrebbero battersi per difendere la verità. Una escalation militare causerebbe un’ulteriore destabilizzazione in Syria, con un conseguente aumento dei flussi migratorio anche verso l’Italia…proprio per questo mi chiedo, ma non sa di vergognosa ipocrisia prima bombardare uno Stato sovrano e indipendente del Medioriente (o essere dalla parte di chi bombarda, poco cambia) violando la Carta delle Nazioni Unite che vieta l’uso della forza contro i paesi membri, e poi voler chiudere le porte con sdegno ai migranti che, nel tentativo di fuggire da una guerra causata dai nostri missili, cercheranno rifugio anche in Italia?
In questo momento storico è soprattutto da questo principio basilare di difesa della Verità che si sviluppa la credibilità e l’importanza del nostro Paese nel panorama internazionale. E questo viene ancora prima della necessità legittima di formare un governo.
Altrimenti siamo destinati a restare sempre e comunque un Paese “al servizio” delle fake news di altri. Un Paese che dipende dalla menzogna di comodo è destinato a morire.

Missili sulla Siria

La propaganda mediatica a senso unico dell’Occidente per bombardare nuovamente la Siria: la mano sulla bocca di Saviano…

Quello che sta avvenendo in Syria è molto più complesso di quanto vogliono farci credere i media collusi col potere politico/finanziario statunitense ed europeo. Campagne mediatiche come quella di Saviano, contro il fantomatico e non provato gas nervino usato dal governo siriano sui civili, fanno estremamente comodo ai governi occidentali per accaparrarsi il consenso dell’opinione pubblica e bombardare nuovamente la Syria, così da invadere e spartirsi il territorio. Ovviamente chi paga in tutto questo? I civili siriani, i bambini innanzitutto.
Forse sarebbe utile ricordare a Saviano che i Paesi Occidentali da decenni sfruttano il Medioriente causando tragedie immani tra i poveri civili inermi.
Ma su questo i media e i personaggi famosi come Saviano vergognosamente tacciono!
In Syria i morti civili li hanno sulle coscienze tutti, non solo Russia e il governo di Assad. Il mainstream occidentale ovviamente non si scandalizza del terrore perpetrato dai ribelli jahidisti legati all’Isis in Siria, o dalle stragi dell’esercito turco contro i curdi siriani ad Afrin, sempre in Siria. E gli Stati Uniti? Quanti morti hanno sulla coscienza le bombe a stelle e strisce lanciate in questi anni sui civili siriani?
Più che risposte emotive e irrazionali avremmo bisogno di capire, approfondire, porci domande per analizzare la realtà del nostro tempo. Una realtà terribilmente complessa, che non può essere spiegata da slogan o gesti simbolici che non hanno nulla a che fare con la realtà…

“La nostra società nutre il bisogno compulsivo di catalogare idee, principi, esseri umani, omologandoli come fossero cliché, rischiando di non focalizzare il percorso che porta ogni persona alla scoperta del proprio essere.

L’emotività del fatto nega l’approfondimento dei suoi contenuti, trattati con estrema superficialità.

La strategia mediatica dei mezzi di comunicazione, generalmente volta a pilotare l’opinione pubblica, annacqua poi ogni contestualizzazione logica e razionale per influenzare le masse, spesso esasperando le contrapposizioni sia verbali che virtuali: il pensiero critico viene sostituito dal sentimento.”

Estratto del libro “La Piuma tra cielo e terra”

 

Consiglio di guardare con molta attenzione l’analisi dello storico e ricercatore svizzero Daniele Ganser, sulle vere cause della guerra in Syria. Aiuta ad andare oltre il politicamente corretto presentato da tg e stampa nostrani, con necessario equilibrio e senso critico.

 

La giornalista indipendente Canadese Eva Bartlett, durante la conferenza stampa del 9 Dicembre 2016 della missione siriana dell’ONU, fa fare una figuraccia al giornalista norvegese Christopher Rothenberg, spiegando su cosa si basano le insulse menzogne che i media mainstream occidentali raccontato sulla Syria.

 

Contributi di questo spessore, se messi a confronto con la propaganda faziosa di Roberto Saviano, fanno un certo effetto. Quest’ultimo cerca volutamente in maniera ipocrita di non far comprendere il reale, banalizzandolo, sostituendo la ricerca della verità con simbolismi irrazionali e omologanti.

La popolazione siriana è vittima di eserciti che combattono una guerra con metodi criminali: i soldati di Assad, le forze jihadiste, l'esercito di Erdogan e l'aviazione russa commettono atrocità che non risparmiano i civili. Nonostante continui a negare e accusare la stampa e gli attivisti di manipolare le informazioni, Assad sta usando armi chimiche sulla popolazione. Gas che uccide lasciando soffocare le persone nella propria saliva. A morire sono soprattutto bambini. Le armi chimiche sono vietate da quasi cento anni, ma nella guerra civile siriana continuano ad essere utilizzate. Muhammad Najem è un ragazzo siriano di 15 anni che sta raccontando la guerra e denunciando la morte di migliaia di bambini per soffocamento da gas. Fotografarsi coprendosi bocca e naso con la mano è solo un gesto simbolico, ma può essere utile per diffondere la consapevolezza di questo crimine. Invito tutti a fotografarsi così contro l'uso dei gas come arma mortale.

A post shared by Roberto Saviano (@robertosaviano_official) on

 

Dunque la soluzione di Saviano contro le fantomatiche armi chimiche utilizzate dal governo siriano sarebbe il bombardamento della Syria? E chi andrebbero a colpire le bombe se non i civili siriani?

raidaereosiria-114845

Passi verso casa

20150211-lampedusa_immigrati-655x436-655x436

 

“Forse il cielo non lo sa, ma la terra è coperta di passi, i passi riluttanti di chi parte per cercare una casa. Perché la casa non è solo là dove sei nato, ma è dove l’uomo che è in te può guardare il cielo finalmente grato per il giorno che finisce e può sperare nel giorno che verrà.”

Kossi Komla-Ebri, Vado a casa, in Parole oltre i confini

 

I giovani e la Chiesa…verso il Sinodo

papa francesco sinodo giovani

«La Chiesa è in cammino verso il Sinodo e volge lo sguardo ai giovani di tutto il mondo»: sono queste le parole con cui Papa Francesco ha iniziato la preghiera per il Sinodo, affidando al Signore il discernimento dei giovani. Nel mese di ottobre 2018 si celebrerà infatti il Sinodo dei Vescovi sul tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale».
Questo significa che la Chiesa si vuole mettere in ascolto, e per farlo si rivolge ai giovani di tutto il mondo, verso coloro che rappresentano il futuro. La Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi ha dedicato la creazione del sito http://www.synod2018.va/content/synod2018/it.html, proponendo un questionario attraverso il quale i giovani possono far sentire la loro voce, la loro sensibilità, la loro fede, ma anche i loro dubbi e critiche, affinché la loro richiesta di comprensione e di aiuto giunga sino ai Pastori, così come sono stati invitati a fare da Papa Francesco nella Lettera che ha indirizzato loro all’inizio del cammino sinodale.
Anche noi come chiesa locale siamo di conseguenza chiamati a metterci in ascolto dei nostri giovani, per conoscere il loro pensiero. Tutti i giovani, quelli che frequentano e si dicono credenti, ma anche coloro che da poco o tanto tempo non mettono più piede in chiesa e in oratorio. Ho così cercato, partendo dalle domande del questionario, di declinarne alcune e di rivolgerle inizialmente a chi frequenta il nostro oratorio, ovvero i ragazzi e i giovani tra i 18 e i 35 anni, che comprendono il Gruppo Giovani, il gruppo 18/19enni e il gruppo educatori. Ho ritenuto basilare porre i quesiti anche a chi ha smesso di frequentare l’oratorio e la Chiesa.
Le domande sono le seguenti:
1) Ti senti di fare parte della tua parrocchia?
2) Perchè a tuo parere un numero consistente di ragazzi della tua età decide di non frequentare più l’oratorio?
3) Secondo te ci sono degli aspetti che si potrebbero migliorare nella chiesa? Se pensi di sì puoi specificarli? Come si potrebbero migliorare?
4) Vai a messa la domenica? Puoi spiegare anche con una semplice frase il tuo sì o il tuo no?

 

Su circa centocinquanta ragazzi e giovani raggiunti, hanno deciso di rispondere alle domande soltanto il 10%, circa quindici. Certamente pochi. Una stragrande maggioranza ha infatti scelto il silenzio, forse per timidezza o anche a causa di una radicata indifferenza nei confronti della Chiesa (e questo, va detto, soprattutto da parte di chi la frequenta). Se da un punto di vista numerico i risultati sino ad ora sono stati deludenti, non certo si può dire per la qualità di chi ha risposto, scegliendo di mettersi in gioco, fornendo un prezioso contributo; devo dire che sono rimasto personalmente stupito da tutte le risposte lette, sia perché dimostrano maturità e vivo interesse per il bene della Chiesa, ma anche perché alcune descrivono con occhio critico, a volte scandito da una certa punta d’amarezza e delusione, l’urgente necessità di creare nuova linfa e nuovi itinerari nella comunità ecclesiale.
Partendo da queste poche risposte ricevute ritengo sia già possibile giungere a una prima conclusione, che poi diventa una domanda, stavolta rivolta a noi adulti: “Ma noi conosciamo davvero i nostri giovani?”
Credo che questa domanda imponga necessariamente la necessità di fermarsi per trovare una nuova riparenza: dal desiderio di metterci in gioco come comunità educante, uscendo dalla comodità di schemi prefissati che tante volte ci conducono a trattare i giovani con una certa superficialità, relegandoli a uno stereotipo. A volte accettiamo come dato di fatto la loro apparente apatia e banalità, un’apatia che può però celare il desiderio di capire e scoprire nel bene, forse in modo ancora immaturo e scostante, se stessi e il mondo circostante. È nostro compito quello di intercettare e accompagnare questo germoglio di desiderio.
Abbiamo così pensato che questa analisi non debba assolutamente terminare qui, vogliamo portarla avanti e raccogliere altre testimonianze e riflessioni da parte dei nostri giovani. Siamo infatti certi che tanti desiderano mettersi in gioco, per cercare un nuovo itinerario, che imprima nei loro cuori la voglia di dire a se stessi e al mondo intero: “È tempo di un cambiamento!”
Nel prossimo numero dedicheremo spazio a tutte le risposte ricevute, analizzandole e tentando di presentare i diversi punti di vista emersi.
Voglio concludere questa prima parte della nostra inchiesta, riportando estratti di due risposte. La prima è quella di una ragazza che frequenta l’oratorio, la seconda di una che si è allontanata da qualche anno.
Credo che entrambe possano costituire un prezioso punto di ri-partenza.

 

“Secondo me molti ragazzi adesso non frequentano più la Chiesa perché in essa risultano più evidenti i dogmi e le regole rigide del rito rispetto al lato caritatevole ed educativo, che personalmente è il motivo principale per cui frequento l’oratorio. Infatti devo tantissimo al cammino del dopocresima perché mi ha mostrato e coinvolto concretamente nell’esperienza dell’aiuto verso il prossimo. Inoltre essendo giovani credere nelle Verità di Fede risulta più difficile in quanto non ci sono prove e secondo me non si sono ancora vissute come esperienze che la fanno crescere e fanno sentire il bisogno di appellarsi a qualcosa di più grande. E quindi ritenendo che per vivere la Chiesa bisogna credere profondamente e immediatamente a tutto ciò che essa professa, molti giovani scelgono di allontanarsi.”

 

“Penso che la Chiesa debba semplicemente continuare a fare il bene che fa ogni giorno, aiutando le persone a creare luoghi “protetti” e dei valori importanti come ha sempre fatto. Le attività volte alla comunità dovrebbero rimanere sempre aggiornate insieme a linguaggi nuovi, ormai non solo giovane, del web, per promuovere iniziative e raggiungere il maggior numero di persone. Per quanto riguarda la Fede invece si tratta di qualcosa di talmente unico e personale che sta alla persona coltivarla. Di certo la Chiesa deve rimanere aperta a tutte le domande e per fare chiarezza al credente, in questi tempi in cui tutto cambia velocemente, dev’essere la prima a essere aggiornata sui “problemi” della società moderna, per capire e farsi capire.”

 

Oltre il muro la speranza

 

To match WITNESS-WALLS/BERLIN

Migliaia di tedeschi dell’Est si recarono ai posti di confine per trasferirsi oltre il muro, rendendo la situazione in breve tempo ingestibile e costringendo le guardie di frontiera ad aprire i posti di blocco. Dall’altra parte del muro, i tedeschi dell’ovest accolsero i loro fratelli a braccia aperte.
Il muro aveva perso così ogni sua funzione, e fu una liberazione per migliaia di tedeschi poter iniziare ad avvicinarsi, abbattere quel muro che da decenni solcava in modo innaturale la città. 
Era il 9 novembre 1989, la caduta del Muro di Berlino.

Qualsiasi muro, fisico e ideologico, scaturisce dalla paura dell’altro e dall’incapacità di crescere insieme, accettandosi nelle differenze.

Forse, oltre a impegnarsi perché ogni muro venga abbattuto, è necessario anche chiedersi da dove nasca l’esigenza della sua costruzione. A mio parere questo bisogno di erigere un muro ha origine da un vuoto identitario, che genera odio e divisione. Un vuoto che alimenta la paura e che in nome di una sua fittizia identità vuole distruggere qualsiasi altra forma di diversità.

Un vuoto che in particolar modo nella storia contemporanea si è alimentato per colpa di una cultura che inneggia alla libertà nella diversità, ma che vuole invece rendere tutti omologati al sistema. Creando appunto cortocircuiti di violenza repressa.

mur_berlin

L’unica alternativa è quella di aiutarsi l’un l’altro, cercando di andare sempre oltre ogni muro, con lo sguardo fisso verso la speranza…

Le immagini dell’inferno in Libia, mostrate dal TG1

speciale Libia.png

Ieri sera alle 23.30 su Rai1 è andato in onda uno speciale del TG1 curato dal giornalista Amedeo Ricucci (davvero bravo e coraggioso!!), sulla Libia e i migranti che cercano di raggiungere l’Europa. Vale la pena guardarlo tutto, perché mostra chiaramente scene che normalmente non si vedono da nessuna parte.
Fanno particolarmente effetto le riprese dei centri di detenzione per migranti. Le immagini mostrano decine di persone ammassate e rinchiuse in stanze molto piccole…ambienti che ricordano veri e propri campi di concentramento.
Credo sia fondamentale conoscere questa dolorosa e sconcertante realtà, che aiuta a comprendere con oggettività la condizione disperata di chi tenta di raggiungere, dopo innumerevoli soprusi, ruberie, violenze e privazioni, le coste europee.

http://www.raiplay.it/video/2017/09/Speciale-Tg1-3c7aca8c-3f57-43c2-829d-4f98e29c6694.html

 

“Distruggere l’uomo è difficile, quasi quanto crearlo: non è stato agevole, non è stato breve, ma ci siete riusciti…
Eccoci docili sotto i vostri sguardi: da parte nostra nulla più avete a temere: non atti di rivolta, non parole di sfida, neppure uno sguardo giudice.”

Primo Levi
Se questo è un uomo

 

Quello che sta avvenendo nei campi di concentramento libici è qualcosa di vergognoso e agghiacciante…è la distruzione dell’essere umano. Vengono i brividi…esseri umani in trappole senza scampo…

Un giorno ci verrà chiesto che cosa abbiamo fatto dinanzi a tutto questo orrore…

 

speciale31.png

Viaggio in Gabon/4 #Africa…il neocolonialismo francese, una vergogna dell’umanità.

Rivisitando il mio viaggio in Gabon non posso certo tralasciare un aspetto determinante per comprenderne l’attualità, ovvero la dipendenza neocoloniale francese e le conseguenze che questa forma di sfruttamento pluridecennale arreca alla società gabonese (e africana).

Diciamolo subito, l’usurpazione di beni e di denaro della Francia nei confronti del Gabon (e degli altri Paesi africani da lei finanziariamente sfruttati – VEDI ARTICOLO SOTTO di Mawuna Remarque Koutonin) è uno scandalo, una vergogna dell’umanità di cui non si parla mai negli organi di informazione ufficiali. E, tra l’altro, andrebbe probabilmente analizzata la correlazione che c’è tra sfruttamento neocoloniale dell’Occidente (in particolare proprio quello della Francia) nei riguardi dei Paesi africani e mediorientali, con l’origine e lo sviluppo del terrorismo che, negli ultimi anni, colpisce in particolare proprio le città transalpine.

Si tratta di un aspetto che rappresenta la più grande tragedia di cui l’Occidente è principalmente responsabile nei confronti dell’Africa. Un vero e proprio sciacallaggio che sconcerta nella sua silente ordinarietà.

Per ciò che ho potuto constatare l’Africa è un continente sorprendente e pieno di contraddizioni. Il Gabon, come ogni Paese africano, è un microcosmo di ciò che sarebbe possibile se non dilagasse la corruzione, se al potere non ci fossero dittatori, se le potenze internazionali non pensassero ad altro se non a depredare le risorse ambientali ed energetiche. Ritengo che capendo il Gabon e l’Africa avremmo l’opportunità di diventare più preparati nell’affrontare i mutamenti socioculturali e geopolitici che ormai ci interessano quotidianamente.

Estesa come superficie poco meno dell’Italia (260 mila km2) ma con una popolazione poco numerosa, meno di 2 milioni di abitanti, il Gabon è un Paese dell’Africa occidentale ricco di legname pregiato, petrolio, enormi risorse naturali dalla foresta pluviale a un suolo fertilissimo, che potrebbero farne una ricca e prospera nazione anche per via dei pochi abitanti. Eppure non è così.

Le ricchezze del Gabon sono in mano a un’esigua élite di stampo massonico con a capo la famiglia Bongo, che governa il Paese ininterrottamente dal 1964 in seguito alla formale indipendenza dalla Francia. Bongo padre (dal 1964 al 2009), Ali Bongo figlio tuttora al potere. Una dittatura familista in piena regola, legata a vincoli di corruzione e interessi di mantenimento del potere con lo Stato francese.

Il secondo giorno della mia permanenza in Gabon mi sono recato presso la dogana portuale di Owendo, vicino Libreville, accompagnato da un missionario locale. Ovviamente i militari a guardia dell’ingresso non ci hanno autorizzato ad entrare. La dogana viene gestita dal gruppo francese Bolloré, il cui fondatore Vincent Bolloré viene accusato di essere intermediario del neocolonialismo francese e di calpestare i diritti umani dei lavoratori africani. Moltissime delle materie prime importate ed esportate dal continente africano passano attraverso Bolloré. Le merci arrivano nei porti, dove il gruppo gestisce i terminal per i container, e vengono trasferite alla logistica su gomma o su rotaia in tutto il continente.

Dal porto di Libreville vengono esportate enormi quantità di petrolio, manganese, uranio e legname. Mentre, per ciò che concerne le importazioni, tutti i prodotti e le merci provengono dalla Francia. Facile dunque dedurre due particolarità: la prima è che il Gabon dipende finanziariamente (e anche politicamente) dalla Francia, verso cui vengono obbligatoriamente versati gran parte dei ricavi derivanti dalle esportazioni; la seconda, conseguente, è che i prezzi d’acquisto delle merci importate vengono fissati da Bolloré, dunque dalla Francia, che strano a dirsi alza e non di poco i prezzi di immissione della merce giunta in dogana, arrecando l’impossibilità per gran parte della popolazione di potersi permettere l’acquisto di beni di prima necessità.

Qui sotto pubblico alcune foto scattate a Port d’Owendo e altre all’interno della Cittadella della Democrazia, un’area che in passato era centro nevralgico di ambascerie e diplomazia: qui siamo riusciti ad entrare grazie ad un’iniziale svista di uno dei guardiani. Al posto del centro diplomatico il Presidente Ali Bongo vuole far costruire (non si comprende il perché, forse per capriccio personale) un enorme campo di golf. All’interno sono depositati un numero incalcolabile di pullman nuovi, inutilizzati: il padre missionario che mi accompagnava mi ha raccontato che questi servivano l’anno prima per trasportare coloro che si recavano in Gabon per assistere alle partite della Coppa d’Africa, ora invece di utilizzarli per incentivare l’ordinario servizio di trasporto pubblico (del tutto inesistente) e dunque creare vantaggi alla popolazione, vengono lasciati a marcire all’interno di un’area dismessa.

Sempre all’interno dell’area siamo passati davanti a dei container bianchi con scritta UN (Nazioni Unite), quando improvvisamente tre militari armati di macete e mitragliatrice ci hanno fermato e, dopo averci controllato i passaporti, intimato di uscire. Ovviamente non ho ritenuto conveniente fare foto in quel momento…

Di seguito propongo un articolo molto interessante scritto dall’editore Mawuna Remarque Koutonin, che spiega nel dettaglio il rapporto di dipendenza di 14 paesi africani (compreso appunto il Gabon) alla Francia, costretti a pagare la tassa coloniale francese.

Concludo ponendomi questa domanda: come possiamo non considerare la stretta connessione tra i soprusi del colonialismo (e dell’attuale neocolonialismo) perpetrato ai danni di povere popolazioni che ci considerano sfruttatori delle loro terre e delle loro vite, e l’odio alimentato da queste ingiustizie, che ha generato rancore e rabbia, desiderio di vendetta nei confronti di noi “bianchi occidentali”?

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

14 paesi africani costretti a pagare tassa coloniale francese

di Mawuna Remarque Koutonin

Sapevate che molti paesi africani continuano a pagare una tassa coloniale alla Francia dalla loro indipendenza fino ad oggi?

Quando Sékou Touré della Guinea decise nel 1958 di uscire dall’impero coloniale francese, e optò per l’indipendenza del paese, l’elite coloniale francese a Parigi andò su tutte le furie e, con uno storico gesto, l’amministrazione francese della Guinea distrusse qualsiasi cosa che nel paese rappresentasse quelli che definivano i vantaggi della colonizzazione francese.

Tremila francesi lasciarono il paese, prendendo tutte le proprietà e distruggendo qualsiasi cosa che non si muovesse: scuole, ambulatori, immobili dell’amministrazione pubblica furono distrutti; macchine, libri, strumenti degli istituti di ricerca, trattori furono sabotati; i cavalli e le mucche nelle fattorie furono uccisi, e le derrate alimentari nei magazzini furono bruciate o avvelenate.

L’obiettivo di questo gesto indegno era quello di mandare un messaggio chiaro a tutte le altre colonie che il costo di rigettare la Francia sarebbe stato molto alto.

Lentamente la paura serpeggiò tra le elite africane e nessuno dopo gli eventi della Guinea trovò mai il coraggio di seguire l’esempio di Sékou Touré, il cui slogan fu “Preferiamo la libertà in povertà all’opulenza nella schiavitù.”

Sylvanus Olympio, il primo presidente della Repubblica del Togo, un piccolo paese in Africa occidentale, trovò una soluzione a metà strada con i francesi. Non voleva che il suo paese continuasse ad essere un dominio francese, perciò rifiutò di siglare il patto di continuazione della colonizzazione proposto da De Gaule, tuttavia si accordò per pagare un debito annuale alla Francia per i cosiddetti benefici ottenuti dal Togo grazie alla colonizzazione francese. Era l’unica condizione affinché i francesi non distruggessero prima di lasciare.Tuttavia, l’ammontare chiesto dalla Francia era talmente elevato che il rimborso del cosiddetto “debito coloniale” si aggirava al 40% del debito del paese nel 1963. La situazione finanziaria del neo indipendente Togo era veramente instabile, così per risolvere la situazione, Olympio decise di uscire dalla moneta coloniale francese FCFA (il franco delle colonie africane francesi), e coniò la moneta del suo paese. Il 13 gennaio 1963, tre giorni dopo aver iniziato a stampare la moneta del suo paese, uno squadrone di soldati analfabeti appoggiati dalla Francia uccise il primo presidente eletto della neo indipendente Africa. Olympio fu ucciso da un ex sergente della Legione Straniera di nome Etienne Gnassingbeche si suppone ricevette un compenso di $612 dalla locale ambasciata francese per il lavoro di assassino. Il sogno di Olympio era quello di costruire un paese indipendente e autosufficiente. Tuttavia ai francesi non piaceva l’idea. Il 30 giugno 1962, Modiba Keita , il primo presidente della Repubblica del Mali, decise di uscire dalla moneta coloniale francese FCFA imposta a 12 neo indipendenti paesi africani. Per il presidente maliano, che era più incline ad un’economia socialista, era chiaro che il patto di continuazione della colonizzazione con la Francia era una trappola, un fardello per lo sviluppo del paese. Il 19 novembre 1968, proprio come Olympio, Keita fu vittima di un colpo di stato guidato da un altro ex soldato della Legione Straniera francese, il luogotenente Moussa TraoréInfatti durante quel turbolento periodo in cui gli africani lottavano per liberarsi dalla colonizzazione europea, la Francia usò ripetutamente molti ex legionari stranieri per guidare colpi di stato contro i presidente eletti:
  • – Il 1 gennaio 1966, Jean-Bédel Bokassa, un ex soldato francese della legione straniera, guidò un colpo di stato contro David Dacko, il primo presidente della Repubblica Centrafricana.
  • – Il 3 gennaio 1966, Maurice Yaméogo, il primo presidente della Repubblica dell’Alto Volta, oggi Burkina Faso, fu vittima di un colpo di stato condotto da Aboubacar Sangoulé Lamizana, un ex legionario francese che combatté con i francesi in Indonesia e Algeria contro le indipendenze di quei paesi.
  • – il 26 ottobre 1972, Mathieu Kérékou che era una guardia del corpo del presidente Hubert Maga, il primo presidente della Repubblica del Benin, guidò un colpo di stato contro il presidente, dopo aver frequentato le scuole militari francesi dal 1968 al 1970.

Negli ultimi 50 anni un totale di 67 colpi di stato si sono susseguiti in 26 paesi africani, 16 di quest’ultimi sono ex colonie francesi, il che significa che il 61% dei colpi di stato si sono verificati nell’Africa francofona.

Numero dei Colpi di stato in Africa per paese

Ex colonie francesi
Altri paesi africani
Paese
Numero di colpi di stato
Paese Numero di colpi di stato
Togo 1 Egitto 1
Tunisia 1 Libia 1
Costa d’Avorio 1 Guinea Equatoriale 1
Madagascar 1 Guinea Bissau 2
Rwanda 1 Liberia 2
Algeria 2 Nigeria 3
Congo – RDC 2 Etiopia 3
Mali 2 Uganda 4
Guinea Conakry 2 Sudan 5
SUB-TOTALE 1 13
Congo 3
Ciad 3
Burundi 4
Repubblica centrafricana 4
Niger 4
Mauritania 4
Burkina Faso 5
Comores 5
SUB-TOTAL 2 32
TOTAL (1 + 2) 45 TOTALE 22

Come dimostrano questi numeri, la Francia è abbastanza disperata ma attiva nel tenere sotto controllo le sue colonie, a qualsiasi prezzo, a qualsiasi condizione.

Nel marzo del 2008, l’ex presidente francese Jacques Chirac disse:

“Senza l’Africa, la Francia scivolerebbe a livello di una potenza del terzo mondo”

Il predecessore di Chirac, François Mitterand già nel 1957 profetizzava che:

“Senza l’Africa, la Francia non avrà storia nel 21mo secolo”

Proprio in questo momento mentre scrivo quest’articolo, 14 paesi africani sono costretti dalla Francia, attraverso un patto coloniale, a depositare l’85% delle loro riserve di valute estere nella Banca centrale francese controllata dal ministero delle finanze di Parigi. Finora, 2014, il Togo e altri 13 paesi africani dovranno pagare un debito coloniale alla Francia. I leader africani che rifiutano vengono uccisi o restano vittime di colpi di stato. Coloro che obbediscono sono sostenuti e ricompensati dalla Francia con stili di vita faraonici mentre le loro popolazioni vivono in estrema povertà e disperazione.

E’ un sistema malvagio denunciato dall’Unione Europea, ma la Francia non è pronta a spostarsi da quel sistema coloniale che muove 500 miliardi di dollari dall’Africa al suo ministero del tesoro ogni anno.

Spesso accusiamo i leader africani di corruzione e di servire gli interessi delle nazioni occidentali, ma c’è una chiara spiegazione per questo comportamento. Si comportano così perché hanno paura di essere uccisi o di restare vittime di un colpo di stato. Vogliono una nazione potente che li difenda in caso di aggressione o di tumulti. Ma, contrariamente alla protezione di una nazione amica, la protezione dell’occidente spesso viene offerta in cambio della rinuncia, da parte di quei leader, di servire il loro stesso popolo e i suoi interessi.

I leader africani lavorerebbero nell’interesse dei loro popoli se non fossero continuamente inseguiti e provocati dai paesi colonialisti.

Nel 1958, spaventato dalle conseguenze di scegliere l’indipendenza dalla Francia, Leopold Sédar Senghor dichiarò: “La scelta del popolo senegalese è l’indipendenza; vogliono che ciò accada in amicizia con la Francia, non in disaccordo.”

Da quel momento in poi la Francia accettò soltanto un’ “indipendenza sulla carta” per le sue colonie, siglando “Accordi di Cooperazione”, specificando la natura delle loro relazioni con la Francia, in particolare i legami con la moneta coloniale francese (il Franco), il sistema educativo francese, le preferenze militari e commerciali.

Qui sotto ci sono le 11 principali componenti del patto di continuazione della colonizzazione dagli anni 50:

 

#1. Debito coloniale a vantaggio della colonizzazione francese

I neo “indipendenti” paesi dovrebbero pagare per l’infrastruttura costruita dalla Francia nel paese durante la colonizzazione.

Devo ancora trovare tutti i dati specifici circa le somme, la valutazione dei benefici della colonizzazione e i termini di pagamento imposti ai paesi africani, ma ci stiamo lavorando (aiutaci con più info).

#2. Confisca automatica delle riserve nazionali

I paesi africani devono depositare le loro riserve monetarie nazionali nella Banca centrale francese.

La Francia detiene le riserve nazionali di quattordici paesi africani dal 1961: Benin, Burkina Faso, Guinea-Bissau, Costa d’Avorio, Mali, Niger, Senegal, Togo, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Congo-Brazzaville, Guinea Equatoriale e Gabon.

“La politica monetaria che governa un gruppo di paesi così diversi non è complicato perché, di fatto, è decisa dal ministero del Tesoro francese senza rendere conto a nessuna autorità fiscale di qualsiasi paese che sia della CEDEAO [la comunità degli stati dell’Africa occidentale] o del CEMAC [Comunità degli stati dell’Africa centrale]. In base alle clausole dell’accordo che ha fondato queste banche e il CFA, la Banca Centrale di ogni paese africano è obbligata a detenere almeno il 65% delle proprie riserve valutarie estere in un “operations account” registrato presso il ministero del Tesoro francese, più un altro 20% per coprire le passività finanziarie.

Le banche centrali del CFA impongono anche un tappo sul credito esteso ad ogni paese membro equivalente al 20% delle entrate pubbliche dell’anno precedente. Anche se la BEACe la BCEAO hanno un fido bancario col Tesoro francese, i prelievi da quel fido sono soggetti al consenso dello stesso ministero del Tesoro. L’ultima parola spetta al Tesoro francese che ha investito le riserve estere degli stati africani alla borsa di Parigi a proprio nome.

In breve, più dell’ 80% delle riserve valutarie straniere di questi paesi africani sono depositate in “operations accounts” controllati dal Tesoro francese. Le due banche CFA sono africane di nome, ma non hanno una politica monetaria propria. Gli stessi paesi non sanno, né viene detto loro, quanto del bacino delle riserve valutarie estere detenute presso il ministero del Tesoro a Parigi appartiene a loro come gruppo o individualmente.

Gli introiti degli investimenti di questi fondi presso il Tesoro francese dovrebbero essere aggiunti al conteggio ma non c’è nessuna notizia che venga fornita al riguardo né alle banche né ai paesi circa i dettagli di questi scambi. Al ristretto gruppo di alti ufficiali del ministero del Tesoro francese che conoscono le cifre detenute negli “operations accounts”, sanno dove vengono investiti questi fondi e se esiste un profitto a partire da quegli investimenti, viene impedito di parlare per comunicare queste informazioni alle banche CFA o alle banche centrali degli stati africani.” Scrive Dr. Gary K. Busch

Si stima che la Francia detenga all’incirca 500 miliardi di monete provenienti dagli stati africani, e farebbe qualsiasi cosa per combattere chiunque voglia fare luce su questo lato oscuro del vecchio impero.

Gli stati africani non hanno accesso a quel denaro.

La Francia permette loro di accedere soltanto al 15% di quel denaro all’anno. Se avessero bisogno di più, dovrebbero chiedere in prestito una cifra extra dal loro stesso 65% da Tesoro francese a tariffe commerciali.

Per rendere le cose ancora peggiori, la Francia impone un cappio sull’ammontare di denaro che i paesi possono chiedere in prestito da quella riserva. Il cappio è fissato al 20% delle entrate pubbliche dell’anno precedente. Se i paesi volessero prestare più del 20% dei loro stessi soldi, la Francia ha diritto di veto.

L’ex presidente francese Jacques Chirac ha detto recentemente qualcosa circa i soldi delle nazioni africane detenuti nelle banche francesi. Questo qui sotto è un video in cui parla dello schema di sfruttamento francese. Parla in francese, ma questo è un piccolo sunto: “Dobbiamo essere onesti e riconoscere che una gran parte dei soldi nelle nostre banche provengono dallo sfruttamento del continente africano.”

 

#3. Diritto di primo rifiuto su qualsiasi materia prima o risorsa naturale scoperta nel paese

La Francia ha il primo diritto di comprare qualsiasi risorsa naturale trovate nella terra delle sue ex colonie. Solo dopo un “Non sono interessata” della Francia, i paesi africani hanno il permesso di cercare altri partners.

#4. Priorità agli interessi francesi e alle società negli appalti pubblici

Nei contratti governativi, le società francesi devono essere prese in considerazione per prime e solo dopo questi paesi possono guardare altrove. Non importa se i paesi africani possono ottenere un miglior servizio ad un prezzo migliore altrove.

Di conseguenza, in molte delle ex colonie francesi, tutti i maggiori asset economici dei paesi sono nelle mani degli espatriati francesi. In Costa d’Avorio, per esempio, le società francesi possiedono e controllano le più importanti utilities – acqua, elettricità, telefoni, trasporti, porti e le più importanti banche. Lo stesso nel commercio, nelle costruzioni e in agricoltura.

Infine, come ho scritto in un precedente articolo, Africans now Live On A Continent Owned by Europeans! [Gli africani ora vivono in un continente di proprietà degli europei !]

#5. Diritto esclusivo a fornire equipaggiamento militare e formazione ai quadri militari del paese

Attraverso un sofisticato schema di borse di studio e “Accordi di Difesa” allegati al Patto Coloniale, gli africani devono inviare i loro quadri militari per la formazione in Francia o in strutture gestite dai francesi.

La situazione nel continente adesso è che la Francia ha formato centinaia, anche migliaia di traditori e li foraggia. Restano dormienti quando non c’è bisogno di loro, e vengono riattivati quando è necessario un colpo di stato o per qualsiasi altro scopo!

#6. Diritto della Francia di inviare le proprie truppe e intervenire militarmente nel paese per difendere i propri interessi

In base a qualcosa chiamato “Accordi di Difesa” allegati al Patto Coloniale, la Francia ha il diritto di intervenire militarmente negli stati africani e anche di stazionare truppe permanentemente nelle basi e nei presidi militari in quei paesi, gestiti interamente dai francesi.

Basi militari francesi in Africa

basi-militari-francesi-in-africa

Quando il presidente Laurent Gbagbo della Costa d’Avorio cercò di porre fine allo sfruttamento francese del paese, la Francia ha organizzato un colpo di stato. Durante il lungo processo per estromettere Gbagbo, i carri armati francesi, gli elicotteri d’attacco e le forze speciali intervennero direttamente nel conflitto sparando sui civili e uccidendone molti.

Per aggiungere gli insulti alle ingiurie, la Francia stima che la business community francese abbia perso diversi milioni di dollari quando, nella fretta di abbandonare Abidjan nel 2006, l’esercito francese massacrò 65 civili disarmati, ferendone altri 1200.

Dopo il successo della Francia con il colpo di stato, e il trasferimento di poteri ad Alassane Outtara, la Francia ha chiesto al governo Ouattara di pagare un compenso alla business community francese per le perdite durante la guerra civile.

Il governo Ouattara, infatti, pagò il doppio delle perdite dichiarate mentre scappavano.

#7. Obbligo di dichiarare il francese lingua ufficiale del paese e lingua del sistema educativo

Oui, Monsieur. Vous devez parlez français, la langue de Molière! [, signore. Dovete parlare francese, la lingua di Molière!]

Un’organizzazione per la diffusione della lingua e della cultura francese chiamata “Francophonie” è stata creata con diverse organizzazioni satellite e affiliati supervisionati dal Ministero degli esteri francese.

Come dimostrato in quest’articolo, se il francese è l’unica lingua che parli, hai accesso al solo 4% dell’umanità, del sapere e delle idee. Molto limitante.

#8. Obbligo di usare la moneta coloniale francese FCFA

Questa è la vera mucca d’oro della Francia, tuttavia è un sistema talmente malefico che finanche l’Unione Europea lo ha denunciato. La Francia però non è pronta a lasciar perdere il sistema coloniale che inietta all’incirca 500 miliardi di dollari africani nelle sue casse.

Durante l’introduzione dell’Euro in Europa, altri paesi europei scoprirono il sistema di sfruttamento francese. Molti, soprattutto i paesi nordici, furono disgustati e suggerirono che la Francia abbandoni quel sistema. Senza successo.

#9. Obbligo di inviare in Francia il budget annuale e il report sulle riserve

Senza report, niente soldi.

In ogni caso il ministero della Banche centrali delle ex colonie, e il ministero dell’incontro biennale dei ministri delle finanze delle ex colonie è controllato dalla Banca Centrale francese/Ministero del Tesoro.

#10. Rinuncia a siglare alleanze militari con qualsiasi paese se non autorizzati dalla Francia

I paesi africani in genere sono quelli che hanno il minor numero di alleanze militari regionali. La maggior parte dei paesi ha solo alleanze militari con gli ex colonizzatori! (divertente, ma si può fare di meglio!).

Nel caso delle ex colonie francesi, la Francia proibisce loro di cercare altre alleanze militari eccetto quelle che vengono offerte loro.

#11. Obbligo di allearsi con la Francia in caso di guerre o crisi globali

Più di un milione di soldati africani hanno combattuto per sconfiggere il nazismo e il fascismo durante la seconda guerra mondiale.

Il loro contributo è spesso ignorato o minimizzato, ma se si pensa che alla Germania furono sufficienti solo 6 settimane per sconfiggere la Francia nel 1940, quest’ultima sa che gli africani potrebbero essere utili per combattere per la “Grandeur de la France” in futuro.

C’è qualcosa di psicopatico nel rapporto che la Francia ha con l’Africa.

Primo, la Francia è molto dedita al saccheggio e allo sfruttamento dell’Africa sin dai tempi della schiavitù. Poi c’è questa mancanza di creatività e di immaginazione dell’elite francese a pensare oltre i confini del passato e della tradizione.

Infine, la Francia ha 2 istituzioni che sono completamente congelate nel passato, abitate da “haut fonctionnaires” paranoici e psicopatici che diffondono la paura dell’apocalisse se la Francia cambiasse, e il cui riferimento ideologico deriva dal romanticismo del 19° secolo: sono il Ministero delle Finanze e del Budget della Francia e il Ministero degli Affari esteri della Francia.

Queste 2 istituzioni non solo sono una minaccia per l’Africa ma anche per gli stessi francesi.

Tocca a noi africani liberarci, senza chiedere permesso, perché ancora non riesco a capire, per esempio, come possano 450 soldati francesi in Costa d’Avorio controllare una popolazione di 20 milioni di persone!?

La prima reazione della gente subito dopo aver saputo della tassa coloniale francese consiste in una domanda: “Fino a quando?”

Per paragone storico, la Francia ha costretto Haiti a pagare l’equivalente odierno di $21 miliardi dal 1804 al 1947 (quasi un secolo e mezzo) per le perdite subite dai commercianti di schiavi francesi dall’abolizione della schiavitù e la liberazione degli schiavi haitiani.

I paesi africani stanno pagando la tassa coloniale solo negli ultimi 50 anni, perciò penso che manchi un secolo di pagamenti!

di Mawuna Remarque KOUTONIN

Fonte: siliconafrica.com

http://www.africanews.it/14-paesi-africani-costretti-a-pagare-tassa-coloniale-francese/