“Io seguo la mia coscienza” Sophie Scholl

Oggi 25 aprile, festa della Liberazione, credo che, al di là delle consuete contrapposizioni ideologiche, sia fondamentale ricordarsi di seguire sempre la propria coscienza.

Perché è lì che si custodisce la Verità e il coraggio di proclamarla.

 

 

Nel febbraio 1943 un gruppo di dissidenti tedeschi vennero giustiziati dal nazismo per le loro idee su giustizia, conoscenza e difesa della verità.

Sono i ragazzi della Rosa Bianca, un movimento nato dal coraggio e dall’intraprendenza di alcuni studenti di medicina dell’università di Monaco, tra cui Sophie Magdalena Scholl, Hans Fritz Scholl e Christoph Hermann Probst, che si opposero al regime nazionalsocialista tedesco, distribuendo volantini nelle università di Monaco e di altre città tedesche: brevi testi, scritti a macchina e poi stampati in ciclostile, firmati La Rosa Bianca, con cui incitavano il popolo alla resistenza e al risveglio culturale contro il nazismo, sottolineando lo stato di profondo degrado in cui era caduto il popolo tedesco, privato della sua libertà e della sua dignità.

L’esperienza ebbe fine il 18 febbraio del 1943, quando Hans Scholl e sua sorella Sophie vennero sopresi, mentre distribuivano volantini nell’università di Monaco. Dopo essere stati sorpresi e denunciati, furono arrestati dalla Gestapo. La polizia segreta nazista interrogò i giovani e perquisì le loro abitazioni. Il 22 febbraio si tenne a Monaco il processo contro Hans e Sophie Scholl. L’accusa fu di antipratiottismo, favoreggiamento del nemico e alto tradimento. Dopo qualche ora furono condannati a morte. L’esecuzione, mediante ghigliottina, venne eseguita nel giro di pochi giorni.

Quando, nel corso dell’interrogatorio, l’investigatore nazista Robert Mohr chiese a Sophie Scholl:

“Perché, così giovane, corri simili rischi per idee che non hanno fondamento?”

Sophie Scholl rispose:

“Io seguo la mia coscienza.”

 

rosa-bianca_-Hans-Sophie-e-Christoph[1]

 

 

“Penso che l’Europa meriti di essere costruita”. Il discorso di Papa Francesco ai capi di Stato e di Governo dell’Unione europea.

Riprendendo le parole pronunciate in Campidoglio sessant’anni fa dall’allora primo ministro lussemburghese Joseph Bech, Papa Francesco sostiene che “l’Europa merita di essere costruita”, così da tracciare l’inizio di una nuova possibilità di rinascita. Rivolgendosi ai capi di Stato e di Governo dell’Unione europea in Vaticano per la ricorrenza della storica firma dei Trattati di Roma che diedero il via all’Europa unita, Francesco ha voluto partire dalla memoria di questi 60 anni, proponendo un cammino comune necessario per ritrovare una nuova giovinezza e una rinnovata speranza.

Un discorso intenso, in continuità con quello già rivolto ai leader europei a Strasburgo nel novembre 2014 e in occasione del Premio Carlo Magno nel maggio dello scorso anno (vedi l’articolo https://lapiumablog.com/2016/05/08/che-cosa-ti-e-successo-europa/), nel quale chiede oggi ai governati «di non aver paura di assumere decisioni efficaci, in grado di rispondere ai problemi reali delle persone», indicando la solidarietà, l’apertura al mondo, il perseguimento dello sviluppo e della pace,  per uscire dalle molte crisi che oggi rischiano di far implodere l’Europa.

Un discorso bellissimo, da leggere e meditare. Ripropongo qui sotto un estratto e il video completo.

 

Penso che l’Europa meriti di essere costruita. I padri fondatori hanno avuto fede nella possibilità di un avvenire migliore, non hanno mancato d’audacia e non hanno agito troppo tardi, hanno dato vita all’appassionato impegno per il bene comune che li ha caratterizzati, nella certezza di essere parte di un’opera più grande delle loro persone.

Dopo gli anni bui e cruenti della Seconda Guerra Mondiale il ricordo delle passate sventure e delle loro colpe sembra averli ispirati e donato loro il coraggio necessario per dimenticare le vecchie contese e pensare ed agire in modo veramente nuovo per realizzare la più grande trasformazione dell’Europa. E scelsero Roma per la firma dei Trattati perché con la sua vocazione all’universalità – come dissero il 25 marzo del 1957 il ministro degli Affari Esteri belga Spaak e quello olandese Lunk – è il simbolo di questa esperienza e qui furono gettate le basi politiche, giuridiche e sociali della nostra civiltà.

I Padri fondatori ci ricordano che l’Europa non è un insieme di regole da osservare, non un prontuario di protocolli e procedure da seguire ma una vita, un modo di concepire l’uomo a partire dalla sua dignità trascendente e inalienabile e non solo come un insieme di diritti da difendere, o di pretese da rivendicare.
Nei Padri fondatori era chiara la consapevolezza di essere parte di un’opera comune, che non solo attraversava i confini degli Stati, ma anche quelli del tempo così da legare le generazioni fra loro, tutte egualmente partecipi della edificazione della casa comune. Il loro denominatore comune era lo spirito di servizio, unito alla passione politica, e alla consapevolezza che all’origine della civiltà europea si trova il cristianesimo, senza il quale i valori occidentali di dignità, libertà e giustizia risultano per lo più incomprensibili. Nel nostro mondo multiculturale tali valori continueranno a trovare piena cittadinanza se sapranno mantenere il loro nesso vitale con la radice che li ha generati. Nella fecondità di tale nesso sta la possibilità di edificare società autenticamente laiche, scevre da contrapposizioni ideologiche, nelle quali trovano ugualmente posto l’oriundo e l’autoctono, il credente e il non credente.

Per non far rimanere lettera morta i Trattati il primo elemento della vitalità europea è la solidarietà. Restare fedele allo spirito di solidarietà europea che l’ha creata. Spirito quanto mai necessario oggi davanti alle spinte centrifughe come pure alla tentazione di ridurre gli ideali fondativi dell’Unione alle necessità produttive, economiche e finanziarie.
Dalla solidarietà nasce la capacità di aprirsi agli altri. Come affermò Adenauer «I nostri piani non sono di natura egoistica e quelli che stanno per unirsi non intendono isolarsi dal resto del mondo ed erigere intorno a loro barriere invalicabili».

L’Europa ritrova speranza nella solidarietà, che è anche il più efficace antidoto ai moderni populismi. La solidarietà comporta la consapevolezza di essere parte di un solo corpo. Se uno soffre, tutti soffrono. Così anche noi oggi piangiamo con il Regno Unito le vittime dell’attentato che ha colpito Londra due giorni fa. Invece i populismi fioriscono proprio dall’egoismo, che chiude in un cerchio ristretto e soffocante. Occorre dunque ricominciare a pensare in modo europeo, per scongiurare il pericolo opposto di una grigia uniformità, ovvero il trionfo dei particolarismi. I leader politici evitino di far leva sulle emozioni per guadagnare consenso, ed elaborino piuttosto delle politiche che facciano crescere tutta quanta l’Unione così che chi riesce a correre più in fretta possa tendere la mano a chi va più piano e chi fa più fatica sia teso a raggiungere chi è in testa.

In un mondo che conosceva bene il dramma di muri e divisioni, era ben chiara l’importanza di lavorare per un’Europa unita e aperta e la comune volontà di adoperarsi per rimuovere quell’innaturale barriera che dal Mar Baltico all’Adriatico divideva il continente. Tanto si faticò per far cadere quel muro! Eppure oggi si è persa la memoria della fatica. Si è persa pure la consapevolezza del dramma di famiglie separate, della povertà e della miseria che quella divisione provocò. Così là dove generazioni ambivano a veder cadere i segni di una forzata inimicizia, ora si discute di come lasciare fuori i “pericoli” del nostro tempo: a partire dalla lunga colonna di donne, uomini e bambini, in fuga da guerra e povertà, che chiedono solo la possibilità di un avvenire per sé e per i propri cari. Spesso si dimentica anche un’altra grande conquista frutto della solidarietà sancita il 25 marzo 1957: il più lungo tempo di pace degli ultimi secoli. Un bene che per molti oggi sembra un bene scontato e così è facile finire per considerarla superflua. Al contrario, la pace è un bene prezioso ed essenziale, poiché senza di essa non si è in grado di costruire un avvenire per nessuno.

La «crisi», concetto che domina il nostro tempo – c’è quella economica, quella della famiglia, quella delle istituzioni, quella dei migranti – è un termine che non ha una connotazione di per sé negativa e non indica solo un brutto momento da superare: la parola in greco significa «investigare, vagliare, giudicare. Il nostro è dunque un tempo di discernimento, che ci invita a vagliare l’essenziale e a costruire su di esso, un tempo «di sfide e di opportunità».
Quali prospettive indicano Padri i fondatori per affrontare le sfide che ci attendono. Le risposte sono nei pilastri sui quali essi hanno inteso edificare la Comunità economica europea: la centralità dell’uomo, una solidarietà fattiva, l’apertura al mondo, il perseguimento della pace e dello sviluppo, l’apertura al futuro. A chi governa compete discernere le strade della speranza, identificare i percorsi concreti per far sì che i passi significativi fin qui compiuti non abbiano a disperdersi.

Non ci si può limitare a gestire la grave crisi migratoria di questi anni come fosse solo un problema numerico, economico o di sicurezza. La questione migratoria pone una domanda più profonda, che è anzitutto culturale. La paura spesso avvertita trova nella perdita d’ideali la sua causa più radicale. Senza una vera prospettiva ideale si finisce per essere dominati dal timore che l’altro ci strappi dalle abitudini consolidate, ci privi dei confort acquisiti, metta in qualche modo in discussione uno stile di vita fatto troppo spesso solo di benessere materiale. Al contrario la ricchezza dell’Europa è sempre stata la sua apertura spirituale e la capacità di porsi domande fondamentali sul senso dell’esistenza. Il benessere acquisito sembra invece averle tarpato le ali, e fatto abbassare lo sguardo. L’Europa ha un patrimonio ideale e spirituale unico al mondo che merita di essere riproposto con passione e rinnovata freschezza e che è il miglior rimedio contro il vuoto di valori del nostro tempo, fertile terreno per ogni forma di estremismo.

L’Europa ritrova speranza quando non si chiude nella paura di false sicurezze. Al contrario, la sua storia è fortemente determinata dall’incontro con altri popoli e culture e la sua identità «è, ed è sempre stata, un’identità dinamica e multiculturale. Per ritrovare speranza serve l’ascolto attento e fiducioso delle istanze che provengono dai singoli, dalla società e dai popoli europei. Purtroppo, si ha spesso la sensazione che sia in atto uno “scollamento affettivo” fra i cittadini e le Istituzioni europee, spesso percepite lontane e non attente alle diverse sensibilità che costituiscono l’Unione.
L’Europa è una famiglia di popoli e la Ue nasce come unità delle differenze e unità nelle differenze. Le peculiarità non devono perciò spaventare, né si può pensare che l’unità sia preservata dall’uniformità. Essa è piuttosto l’armonia di una comunità. I Padri fondatori scelsero proprio questo termine come cardine delle entità che nascevano dai Trattati. Oggi l’Unione Europea ha bisogno di riscoprire il senso di essere anzitutto “comunità” di persone e di popoli consapevole che bisogna sempre allargare lo sguardo per riconoscere un bene più grande che porterà benefici a tutti.
L’Europa ritrova speranza quando investe nello sviluppo e nella pace. Lo sviluppo non è dato da un insieme di tecniche produttive. Riguarda tutto l’essere umano: la dignità del suo lavoro, condizioni di vita adeguate, la possibilità di accedere all’istruzione e alle necessarie cure mediche. “Lo sviluppo è il nuovo nome della pace”, affermava Paolo VI, “non c’è vera pace quando ci sono persone emarginate o costrette a vivere nella miseria”.
Non c’è vera pace quando ci sono persone emarginate o costrette a vivere nella miseria o là dove manca lavoro o la prospettiva di un salario dignitoso, o nelle periferie delle nostre città, nelle quali dilagano droga e violenza.
Ai giovani bisogna offrire prospettive serie di educazione, reali possibilità di inserimento nel mondo del lavoro. L’Europa ritrova speranza quando investe nella famiglia, che è la prima e fondamentale cellula della società. Quando rispetta la coscienza e gli ideali dei suoi cittadini. Quando garantisce la possibilità di fare figli, senza la paura di non poterli mantenere. Quando difende la vita in tutta la sua sacralità.

Estratto dal discorso di Papa Francesco ai capi di Stato e di Governo europei presenti per le celebrazioni del 60° anniversario dei “Trattati di Roma”.

 

 

papa-francesco europa

Da quello squarcio nasce la vera luce

Per la prima volta dopo cinque anni ad Aleppo si è celebrata la tradizionale messa di Natale, presso la chiesa maronita di Sant’Elia, dopo la liberazione dai ribelli che ne avevano obbligato la chiusura. Una parte del tetto della chiesa e le panche in legno sono state distrutte dai bombardamenti ma i fedeli hanno potuto riunirsi all’interno e partecipare alla funzione seduti su sedie di plastica, insieme ad alcuni mussulmani con cui hanno intonato canti di Natale in arabo, inglese e francese.

Fa effetto vedere le foto della chiesa col tetto crollato, come fosse il simbolo di una Siria lacerata e dilaniata. Ma ancora viva.

Penso colpiscano alcune cose…in particolare la stella che sembra accompagnare i fedeli oltre le macerie. E lo squarcio nel tetto, come a unire indissolubilmente Cielo e Terra in un abbraccio. E mi fa anche un po’ provare vergogna verso me stesso e la nostra società occidentale quella minoranza cristiana del Medio Oriente costantemente sotto attacco, ma nonostante tutto serena e determinata nel difendere la propria fede in Gesù Cristo, a costo di mettere a rischio la propria vita.

Forse, al di là di tutto, dovremmo ritrovare quella semplicità e quella purezza, abbandonando le logiche materialiste del consumo che ha colonizzato anche il vero Natale, per ritrovare quelle di un Dio che si è fatto bambino per essere semplicemente accolto e amato.

prima-messa-natale-ad-aleppo

celebrazione-prima-messa-ad-aleppo

Cari giovani non fatevi rubare la libertà!

Sabato 30 luglio durante la Veglia di preghiera della Gmg, nel Campus della Misericordiae a Cracovia, Papa Francesco ha tenuto ai giovani un grande e memorabile discorso, coraggioso e soprattutto “politicamente scorretto”…

Un discorso decisamente scomodo per il potere… Lo propongo in questo blog.

Per il Papa l’antidoto all’odio e alla violenza si chiama fratellanza, fraternità fra i popoli. E quella sera, con tutte quelle bandiere provenienti da ogni parte del mondo, con la gioia fraterna che ci faceva sentire uniti in un solo corpo, ognuno di noi ha compreso che quelle parole possono diventare realtà è non semplice utopia.

Giovani non fatevi rubare la libertà, non permettete che qualcun altro decida al vostro posto. Credete nei vostri sogni!!

20160726_19060720160726_19212320160726_19213320160726_19235220160726_19235920160726_192153

Cari giovani!

E’ bello essere qui con voi in questaVeglia di preghiera.

Alla fine della sua coraggiosa e commovente testimonianza, Rand ci ha chiesto qualcosa. Ci ha detto: “Vi chiedo sinceramente di pregare per il mio amato Paese”. Una storia segnata dalla guerra, dal dolore, dalla perdita, che termina con una richiesta: quella della preghiera.Che cosa c’ è di meglio che iniziare la nostra veglia pregando?

Il dolore del mondo adesso, per noi qui, ha un nome e un volto

Veniamo da diverse parti del mondo, da continenti, Paesi, lingue, culture, popoli differenti. Siamo “figli” di nazioni che forse stanno discutendo per vari conflitti, o addirittura sono in guerra. Altri veniamo da Paesi che possono essere in “pace”, che non hanno conflitti bellici, dove molte delle cose dolorose che succedono nel mondo fanno solo parte delle notizie e della stampa. Ma siamo consapevoli di una realtà: per noi, oggi e qui, provenienti da diverse parti del mondo, il dolore, la guerra che vivono tanti giovani, non sono più una cosa  anonima, per noi non sono più una notizia della stampa, hanno un nome, un volto, una storia, una vicinanza. Oggi la guerra in Siria è il dolore e la sofferenza di tante persone, di tanti giovani come la coraggiosa Rand, che sta qui in mezzo a noi e ci chiede di pregare per il suo amato Paese.

Ci sono situazioni che possono risultarci lontane fino a quando, in qualche modo, le tocchiamo. Ci sono realtà che non comprendiamo perché le vediamo solo attraverso uno schermo (del cellulare o del computer). Ma quando prendiamo contatto con la vita, con quelle vite concrete non più mediatizzate dagli schermi, allora ci succede qualcosa di forte: tutti sentiamo l’ invito a coinvolgerci: “Basta città dimenticate”, come dice Rand; mai più deve succedere che dei fratelli siano “circondati da morte e da uccisioni” sentendo che nessuno li aiuterà. Cari amici, vi invito a pregare insieme a motivo della sofferenza di tante vittime della guerra, di questa guerra che c’ è oggi nel mondo, affinché una volta per tutte possiamo capire che niente giustifica il sangue di un fratello, che niente è più prezioso della persona che abbiamo accanto. E in questa richiesta di preghiera voglio ringraziare anche voi, Natalia e Miguel, perché anche voi avete condiviso con noi le vostre battaglie, le vostre guerre interiori. Ci avete presentato le vostre lotte, e come avete fatto per superarle. Voi siete segno vivo di quello che la misericordia vuole fare in noi.

La nostra risposta a questo mondo in guerra si chiama fratellanza e famiglia

Noi adesso non ci metteremo a gridare contro qualcuno, non ci metteremo a litigare, non vogliamo distruggere, non vogliamo insultare. Noi non vogliamo vincere l’ odio con più odio, vincere la violenza con più violenza, vincere il terrore con più terrore. E la nostra risposta a questo mondo in guerra ha un nome: si chiama fraternità, si chiama fratellanza, si chiama comunione, si chiama famiglia.Festeggiamo il fatto che veniamo da culture diverse e ci uniamo per pregare. La nostra migliore parola, il nostro miglior discorso sia unirci in preghiera. Facciamo un momento di silenzio e preghiamo; mettiamo davanti a Dio le testimonianze di questi amici, identifichiamoci con quelli per i quali “la famiglia è un concetto inesistente, la casa solo un posto dove dormire e mangiare”, o con quelli che vivono nella paura di credere che i loro errori e peccati li abbiano tagliati fuori definitivamente. Mettiamo alla presenza del nostro Dio anche le vostre “guerre”, le nostre “guerre”, le lotte che ciascuno porta con sé, nel proprio cuore. E per questo, per essere in famiglia, in fratellanza, tutti insieme, vi invito ad alzarvi, a prendervi per mano e a pregare in silenzio. Tutti.

(SILENZIO)

La paura ci porta alla chiusura

Mentre pregavamo mi veniva in mente l’ immagine degli Apostoli nel giorno di Pentecoste. Una scena che ci può aiutare a comprendere tutto ciò che Dio sogna di realizzare nella nostra vita, in noi e con noi. Quel giorno i discepoli stavano chiusi dentro per la paura. Si sentivano minacciati da un ambiente che li perseguitava, che li costringeva a stare in una piccola abitazione obbligandoli a rimanere fermi e paralizzati. Il timore si era impadronito di loro. In quel contesto, accadde qualcosa di spettacolare, qualcosa di grandioso. Venne lo Spirito Santo e delle lingue come di fuoco si posarono su ciascuno di essi, spingendoli a un’ avventura che mai avrebbero sognato. La cosa cambia completamente!

Abbiamo ascoltato tre testimonianze; abbiamo toccato, con i nostri cuori, le loro storie, le loro vite. Abbiamo visto come loro, al pari dei discepoli, hanno vissuto momenti simili, hanno passato momenti in cui sono stati pieni di paura, in cui sembrava che tutto crollasse. La paura e l’ angoscia che nascono dal sapere che uscendo di casa uno può non rivedere più i suoi cari, la paura di non sentirsi apprezzato e amato, la paura di non avere altre opportunità. Loro hanno condiviso con noi la stessa esperienza che fecero i discepoli, hanno sperimentato la paura che porta in un unico posto. Dove ci porta, la paura? Alla chiusura. E quando la paura si rintana nella chiusura, va sempre in compagnia di sua “sorella gemella”, la paralisi; sentirci paralizzati. Sentire che in questo mondo, nelle nostre città, nelle nostre comunità, non c’ è più spazio per crescere, per sognare, per creare, per guardare orizzonti, in definitiva per vivere, è uno dei mali peggiori che ci possono capitare nella vita, e specialmente nella giovinezza. La paralisi ci fa perdere il gusto di godere dell’ incontro, dell’ amicizia, il gusto di sognare insieme, di camminare con gli altri. Ci allontana dagli altri, ci impedisce di stringere la mano, come abbiamo visto [nella coreografia], tutti chiusi in quelle piccole stanzette di vetro.

La “divano-felicità” è una paralisi silenziosa

Ma nella vita c’ è un’ altra paralisi ancora più pericolosa e spesso difficile da identificare, e che ci costa molto riconoscere. Mi piace chiamarla la paralisi che nasce quando si confonde la FELICITÀ con un DIVANO / KANAPA! Sì, credere che per essere felici abbiamo bisogno di un buon divano. Un divano che ci aiuti a stare comodi, tranquilli, ben sicuri. Un divano, come quelli che ci sono adesso, moderni, con massaggi per dormire inclusi, che ci garantiscano ore di tranquillità per trasferirci nel mondo dei videogiochi e passare ore di fronte al computer. Un divano contro ogni tipo di dolore e timore. Un divano che ci faccia stare chiusi in casa senza affaticarci né preoccuparci. La “divano-felicità” / “kanapa-szczęście” è probabilmente la paralisi silenziosa che ci può rovinare di più, che può rovinare di più la gioventù. “E perché succede questo, Padre?”. Perché a poco a poco, senza rendercene conto, ci troviamo addormentati, ci troviamo imbambolati e intontiti. L’ altro ieri, parlavo dei giovani che vanno in pensione a 20 anni; oggi parlo dei giovani addormentati, imbambolati, intontiti, mentre altri – forse i più vivi, ma non i più buoni – decidono il futuro per noi. Sicuramente, per molti è più facile e vantaggioso avere dei giovani imbambolati e intontiti che confondono la felicità con un divano; per molti questo risulta più conveniente che avere giovani svegli, desiderosi di rispondere, di rispondere al sogno di Dio e a tutte le aspirazioni del cuore. Voi, vi domando, domando a voi: volete essere giovani addormentati, imbambolati, intontiti? [No!] Volete che altri decidano il futuro per voi? [No!] Volete essere liberi? [Sì!] Volete essere svegli? [Sì!] Volete lottare per il vostro futuro? [Sì!] Non siete troppo convinti… Volete lottare per il vostro futuro? [Sì!]

Ma la verità è un’ altra: cari giovani, non siamo venuti al mondo per “vegetare”, per passarcela comodamente, per fare della vita un divano che ci addormenti; al contrario, siamo venuti per un’ altra cosa, per lasciare un’ impronta. E’ molto triste passare nella vita senza lasciare un’ impronta. Ma quando scegliamo la comodità, confondendo felicità con consumare, allora il prezzo che paghiamo è molto ma molto caro: perdiamo la libertà. Non siamo liberi di lasciare un’ impronta. Perdiamo la libertà. Questo è il prezzo. E c’ è tanta gente che vuole che i giovani non siano liberi; c’ è tanta gente che non vi vuole bene, che vi vuole intontiti, imbambolati, addormentati, ma mai liberi. No, questo no! Dobbiamo difendere la nostra libertà!

Proprio qui c’ è una grande paralisi, quando cominciamo a pensare che felicità è sinonimo di comodità,
che essere felice è camminare nella vita addormentato o narcotizzato, che l’ unico modo di essere felice è stare come intontito. E’ certo che la droga fa male, ma ci sono molte altre droghe socialmente accettate che finiscono per renderci molto o comunque più schiavi. Le une e le altre ci spogliano del nostro bene più grande: la libertà. Ci spogliano della libertà.

Amici, Gesù è il Signore del rischio, è il Signore del sempre “oltre”. Gesù non è il Signore del confort, della sicurezza e della comodità. Per seguire Gesù, bisogna avere una dose di coraggio, bisogna decidersi a cambiare il divano con un paio di scarpe che ti aiutino a camminare su strade mai sognate e nemmeno pensate, su strade che possono aprire nuovi orizzonti, capaci di contagiare gioia, quella gioia che nasce dall’ amore di Dio, la gioia che lascia nel tuo cuore ogni gesto, ogni atteggiamento di misericordia. Andare per le strade seguendo la “pazzia” del nostro Dio che ci insegna a incontrarlo nell’ affamato, nell’ assetato, nel nudo, nel malato, nell’ amico che è finito male, nel detenuto, nel profugo e nel migrante, nel vicino che è solo. Andare per le strade del nostro Dio che ci invita ad essere attori politici, persone che pensano, animatori sociali. Che ci stimola a pensare un’ economia più solidale di questa. In tutti gli ambiti in cui vi trovate, l’ amore di Dio ci invita a portare la Buona Notizia, facendo della propria vita un dono a Lui e agli altri. E questo significa essere coraggiosi, questo significa essere liberi!

Potrete dirmi: Padre, ma questo non è per tutti, è solo per alcuni eletti! Sì, è vero, e questi eletti sono tutti quelli che sono disposti a condividere la loro vita con gli altri. Allo stesso modo in cui lo Spirito Santo trasformò il cuore dei discepoli nel giorno di Pentecoste– erano paralizzati – lo ha fatto anche con i nostri amici che hanno condiviso le loro testimonianze. Uso le tue parole, Miguel: tu ci dicevi che il giorno in cui nella “Facenda” ti hanno affidato la responsabilità di aiutare per il migliore funzionamento della casa, allora hai cominciato a capire che Dio chiedeva qualcosa da te. Così è cominciata la trasformazione.

Questo è il segreto, cari amici, che tutti siamo chiamati a sperimentare. Dio aspetta qualcosa da te. Avete capito? Dio aspetta qualcosa da te, Dio vuole qualcosa da te, Dio aspetta te. Dio viene a rompere le nostre chiusure, viene ad aprire le porte delle nostre vite, delle nostre visioni, dei nostri sguardi. Dio viene ad aprire tutto ciò che ti chiude. Ti sta invitando a sognare, vuole farti vedere che il mondo con te può essere diverso. E’ così: se tu non ci metti il meglio di te, il mondo non sarà diverso. E’ una sfida.

Il tempo che oggi stiamo vivendo non ha bisogno di giovani-divano / młodzi kanapowi, ma di giovani con le scarpe,meglio ancora, con gli scarponcini calzati. Questo tempo accetta solo giocatori titolari in campo, non c’ è posto per riserve. Il mondo di oggi vi chiede di essere protagonisti della storia perché la vita è bella sempre che vogliamo viverla, sempre che vogliamo lasciare un’ impronta. La storia oggi ci chiede di difendere la nostra dignità e non lasciare che siano altri a decidere il nostro futuro. No! Noi dobbiamo decidere il nostro futuro, voi il vostro futuro! Il Signore, come a Pentecoste, vuole realizzare uno dei più grandi miracoli che possiamo sperimentare: far sì che le tue mani, le mie mani, le nostre mani si trasformino in segni di riconciliazione, di comunione, di creazione. Egli vuole le tue mani per continuare a costruire il mondo di oggi. Vuole costruirlo con te. E tu, cosa rispondi? Cosa rispondi, tu? Sì o no? [Sì!]

Mi dirai: Padre, ma io sono molto limitato, sono peccatore, cosa posso fare? Quando il Signore ci chiama non pensa a ciò che siamo, a ciò che eravamo, a ciò che abbiamo fatto o smesso di fare. Al contrario: nel momento in cui ci chiama, Egli sta guardando tutto quello che potremmo fare, tutto l’ amore che siamo capaci di contagiare. Lui scommette sempre sul futuro, sul domani. Gesù ti proietta all’ orizzonte, mai al museo.

Per questo, amici, oggi Gesù ti invita, ti chiama a lasciare la tua impronta nella vita, un’ impronta che segni la storia, che segni la tua storia e la storia di tanti.

La vita di oggi ci dice che è molto facile fissare l’ attenzione su quello che ci divide, su quello che ci separa. Vorrebbero farci credere che chiuderci è il miglior modo di proteggerci da ciò che ci fa male. Oggi noi adulti – noi, adulti! – abbiamo bisogno di voi, per insegnarci – come adesso fate voi, oggi – a convivere nella diversità, nel dialogo, nel condividere la multiculturalità non come una minaccia ma come un’ opportunità. E voi siete un’ opportunità per il futuro. Abbiate il coraggio di insegnarci, abbiate il coraggio di insegnare a noi che è più facile costruire ponti che innalzare muri! Abbiamo bisogno di imparare questo. E tutti insieme chiediamo che esigiate da noi di percorrere le strade della fraternità. Che siate voi i nostri accusatori, se noi scegliamo la via dei muri, la via dell’ inimicizia, la via della guerra. Costruire ponti: sapete qual è il primo ponte da costruire? Un ponte che possiamo realizzare qui e ora: stringerci la mano, darci la mano. Forza, fatelo adesso. Fate questo ponte umano, datevi la mano, tutti voi: è il ponte primordiale, è il ponte umano, è il primo, è il modello. Sempre c’ è il rischio – l’ ho detto l’ altro giorno – di rimanere con la mano tesa, ma nella vita bisogna rischiare, chi non rischia non vince. Con questo ponte, andiamo avanti. Qui, questo ponte primordiale: stringetevi la mano. Grazie. E’ il grande ponte fraterno, e possano imparare a farlo i grandi di questo mondo!… ma non per la fotografia – quando si danno la mano e pensano un’ altra cosa -, bensì per continuare a costruire ponti sempre più grandi. Che questo ponte umano sia seme di tanti altri; sarà un’ impronta.

Oggi Gesù, che è la via, chiama te, te, te [indica ciascuno] a lasciare la tua impronta nella storia. Lui, che è la vita, ti invita a lasciare un’ impronta che riempia di vita la tua storia e quella di tanti altri. Lui, che è la verità, ti invita a lasciare le strade della separazione, della divisione, del non-senso. Ci stai? [Sì!] Ci stai? [Sì!] Cosa rispondono adesso – voglio vedere – le tue mani e i tuoi piedi al Signore, che è via, verità e vita? Ci stai? [Sì!] Il Signore benedica i vostri sogni. Grazie!

20160730_210643

“CHE COSA TI E’ SUCCESSO EUROPA?”

Il memorabile discorso di Papa Francesco davanti ai vertici dell’Unione europea.
Il sogno di un nuovo Umanesimo per un’Europa divenuta stanca e invecchiata, senza più ideali.

Un’Europa che deve ritrovare se stessa nel “dare alla luce un nuovo umanesimo basato su tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare.”

Mi chiedo che cosa avranno pensato i vertici europei Martin Schulz, Jean-Claude Juncker e Donald Tusk…

 

 

Ecco i tre passaggi fondamentali di questo discorso che, a parer mio, sarà ricordato come tra i più grandi discorsi di sempre.

Il primo passaggio, quando il Papa inizia con questa domanda “Che cosa ti è successo Europa?”

 

…il secondo, il passaggio in cui Papa Francesco parla di un nuovo Umanesimo europeo

 

…e infine il sogno di Papa Francesco per una nuova Europa

 

Per chi vuole leggere il discorso completo di seguito il link

https://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2016/may/documents/papa-francesco_20160506_premio-carlo-magno.html

 

LA FELICITA’ NON E’ UN “APP”

«Solo con scelte coraggiose e forti si realizzano i sogni più grandi, quelli per cui vale la pena di spendere la vita. Scelte coraggiose e forti. Non accontentatevi della mediocrità, di “vivacchiare” stando comodi e seduti; non fidatevi di chi vi distrae dalla vera ricchezza, che siete voi, dicendovi che la vita è bella solo se si hanno molte cose; diffidate di chi vuol farvi credere che valete quando vi mascherate da forti, come gli eroi dei film, o quando portate abiti all’ultima moda. La vostra felicità non ha prezzo e non si commercia; non è una “app” che si scarica sul telefonino: nemmeno la versione più aggiornata potrà aiutarvi a diventare liberi e grandi nell’amore. La libertà è un’altra cosa. Perché l’amore è il dono libero di chi ha il cuore aperto; l’amore è una responsabilità, ma una responsabilità bella, che dura tutta la vita; è l’impegno quotidiano di chi sa realizzare grandi sogni! Ah, guai ai giovani che non sanno sognare, che non osano sognare! Se un giovane, alla vostra età, non è capace di sognare, già se n’è andato in pensione, non serve. L’amore si nutre di fiducia, di rispetto, di perdono. L’amore non si realizza perché ne parliamo, ma quando lo viviamo: non è una dolce poesia da studiare a memoria, ma una scelta di vita da mettere in pratica! Come possiamo crescere nell’amore? Il segreto è ancora il Signore: Gesù ci dà Sé stesso nella Messa, ci offre il perdono e la pace nella Confessione. Lì impariamo ad accogliere il suo Amore, a farlo nostro, a rimetterlo in circolo nel mondo. E quando amare sembra pesante, quando è difficile dire di no a quello che è sbagliato, guardate la croce di Gesù, abbracciatela e non lasciate la sua mano, che vi conduce verso l’alto e vi risolleva quando cadete. Nella vita sempre si cade, perché siamo peccatori,  siamo deboli. Ma c’è la mano di Gesù che ci risolleva, che ci rialza. Gesù ci vuole in piedi! Quella parola bella che Gesù diceva ai paralitici: “Alzati!”. Dio ci ha creati per essere in piedi. C’è una bella canzone che cantano gli alpini quando salgono su. La canzone dice così: “Nell’arte di salire, l’importante non è non cadere, ma non rimanere caduto!”. Avere il coraggio di alzarsi, di lasciarci alzare dalla mano di Gesù…»

Estratto dall’omelia di papa Francesco nella Messa del ‪#‎Giubileodeiragazzi‬ a Roma, di domenica 24 aprile 2016

https://w2.vatican.va/content/francesco/it/homilies/2016/documents/papa-francesco_20160424_omelia-giubileo-ragazzi.html

giubileodeiragazzi

 

«Abraza el camino, del riesgo con la certeza que no esta solo»
«Abbraccia il cammino del rischio, con la certezza che non sei solo»

 

fotogiubileodeiragazzi

Papa Francesco a Lesbo: i profughi non sono numeri.

“I profughi non sono numeri, sono persone: sono volti, nomi, storie, e come tali vanno trattati”.
‪#‎PapaFrancesco‬ su Twitter

Nel viaggio di ritorno Papa Francesco porta con sé in aereo tre famiglie siriane e musulmane, che risiederanno presso una parrocchia vaticana. Un gesto concreto e grandioso, che vale più di qualsiasi altro discorso o considerazione…

 

 

Dio di misericordia,
Ti preghiamo per tutti gli uomini, le donne e i bambini, che sono morti dopo aver lasciato le loro terre in cerca di una vita migliore.
Benché molte delle loro tombe non abbiano nome, da Te ognuno è conosciuto, amato e prediletto.

Che mai siano da noi dimenticati, ma che possiamo onorare il loro sacrificio con le opere più che con le parole.

Ti affidiamo tutti coloro che hanno compiuto questo viaggio, sopportando paura, incertezza e umiliazione, al fine di raggiungere un luogo di sicurezza e di speranza.Come Tu non hai abbandonato il tuo Figlio quando fu condotto in un luogo sicuro da Maria e Giuseppe, così ora sii vicino a questi tuoi figli e figlieattraverso la nostra tenerezza e protezione.

Fa’ che, prendendoci cura di loro, possiamo promuovere un mondo dove nessuno sia costretto a lasciare la propria casa e dove tutti possano vivere in libertà, dignità e pace.

Dio di misericordia e Padre di tutti, destaci dal sonno dell’indifferenza,apri i nostri occhi alle loro sofferenze e liberaci dall’insensibilità, frutto del benessere mondano e del ripiegamento su sé stessi.

Ispira tutti noi, nazioni, comunità e singoli individui, a riconoscere che quanti raggiungono le nostre coste sono nostri fratelli e sorelle.

Aiutaci a condividere con loro le benedizioni che abbiamo ricevuto dalle tue mani e riconoscere che insieme, come un’unica famiglia umana, siamo tutti migranti, viaggiatori di speranza verso di Te, che sei la nostra vera casa, là dove ogni lacrima sarà tersa, dove saremo nella pace, al sicuro nel tuo abbraccio.

 

Preghiera di Papa Francesco a Lesbo “Liberaci dall’indifferenza”

 

papa665LapresseFo_50726065

 

 

“Dobbiamo tornare al senso collettivo di riunirci alla stessa tavola, ripensandoci come una sola famiglia umana, facendo risorgere dentro i nostri cuori il desiderio di fratellanza. Riconoscendoci faccia a faccia, non come personaggi ma come individui, lavorando allo sviluppo di una terra comune. Sentendo e agendo per il bene del popolo, in un cammino di desiderio che nasce dalla conversione.”

Estratto da La Piuma, tra Cielo e Terra

 

Cosa ci dice, oggi, quel sepolcro vuoto?

Che messaggio ci lascia quel sepolcro vuoto nel giorno di Pasqua?

Oggi che la speranza rischia di venirci tolta da eventi tragici che portano con sé soltanto odio, distruzione e paura, disprezzo per la vita e disperazione, come poter guardare al Cielo con fiducia, muovendo i nostri passi qui sulla Terra?

Non esiste una risposta che elimini la paura, forse anche per colpa nostra, sempre più avvolti dall’indifferenza e dal cinismo dei nostri tempi, e dunque incapaci di restare in ascolto verso l’Altro.

E dunque cosa ci dice quel sepolcro oggi?

La nostra mentalità materialista e consumista non accetta il significato di “attesa”, siamo ossessionati dalla logica della risposta istantanea e “socialmente appetibile”, anche nella fede. Ma siamo sicuri che poi questa risposta ci basterebbe? Non si tratta invece di cercare un cambio di prospettiva, dove siamo noi a muoverci verso quella domanda?

Se resteremo in ascolto di quel silenzio, accettandone la sua scandalosa provocazione, credenti e non credenti (siamo certi che sia così netta e definita la distinzione tra queste due categorie, forse troppo spesso abusate e trattate con superficialità?) potremo guardare con occhi nuovi ciò che conta per davvero: l’essenziale.

Senza cercare l’effetto iperbolico e idealizzato che diventi risposta anestetica alle nostre paure, immersi nel silenzio di quel sepolcro, potremo scoprire un soffio chiamato Resurrezione. In questa costante precarietà siamo chiamati a custodire e a coltivare respiri di luce nel cammino…battiti di eternità che possano far germogliare nel nostro cuore una speranza nuova che sia testimonianza di bellezza per il mondo.

Buona Pasqua a tutti!

 

foto gabbiano

 

Di seguito estratto dal mio nuovo libro, “La Piuma”.

“Inevitabilmente pensai al cammino compiuto dal Cristo nella sua vita terrena, ai suoi tre anni di predicazione, all’ultimo tratto di percorso, quello che lo condusse incontro alla morte in croce, oltre che alla sua gloriosa Resurrezione.

Quel misterioso travaglio che segnava il passaggio da una fine a un nuovo inizio mi condusse a riflettere che anche nella vita terrena è possibile rinascere a vita nuova. Ogni giorno diventa infatti una opportunità per proseguire la strada che conduce verso l’eterno.

Lo avevo constatato lungo il Cammino.

Anch’io potevo dunque fare come fece Gesù, vivendo l’oggi nell’adempimento.

Ripensando al Cammino lo vedevo come un insieme di passi di Resurrezione.

La mia identità si era rivelata nella consapevolezza della mia miseria e del mio peccato, nel desiderio di conversione e in quello di farmi dono per gli altri.

Il cambiamento che sentivo dentro era come un roveto che bruciava di gioia senza mai spegnersi.”

 

 

http://www.amazon.it/La-Piuma-tra-cielo-terra-ebook/dp/B01AU78F68/ref=zg_bsnr_1345156031_5

 

12576053_10207839699366805_41302534_n

Una speranza per la pace: Neve Shalom Wahat al-Salam

neve_shalom_2_lg

Piantare semi di pace tra ebrei e arabi: l’esempio del villaggio di Neve Shalom Wahat al-Salam

 

map_center_nswas

 

Neve Shalom Wahat al-Salam, “Oasi di Pace” in Ebraico e Arabo, è un villaggio a sud-est di Tel Aviv; è una comunità intenzionale composta da ebrei e arabi palestinesi, tutti con cittadinanza israeliana. Fin dal 1970 cinquanta famiglie sono venute a vivere in questa piccola area, impegnandosi per costruire la pace e a vivere un rapporto rispettoso, in modo da creare ponti di unità tra le persone e presentare un modello per israeliani e palestinesi. Per dire che la pace è possibile! Ebrei e arabi a Neve Shalom Wahat al-Salam si impegnano quotidianamente a cercare soluzioni ai problemi che sorgono tra differenze estreme. Differenze che però hanno anche tanto da condividere. 

I bambini ebrei e arabi frequentano insieme la scuola di pace dal villaggio. Le scuole insegnano sia l’arabo che l’ebraico. Gli studenti imparano storie, tradizioni e culture di entrambe le appartenenze e condividono pensieri e sentimenti con rispetto reciproco. 
20120203-people-for-peace-neve-shalom-wahat-al-salam.jpg
 

Nel villaggio c’è una cupola circolare, luogo di riflessione, meditazione e preghiera, che si chiama Dumia-Sakina (la “Casa del Silenzio” in ebraico e arabo), e si trova alla periferia del villaggio. Si tratta di un santuario dedicato a tutte le religioni, con lo scopo evidente di andare contro ogni tipo di divisione: non ci sono infatti all’interno del santuario simboli religiosi.

Una scelta non facile da comprendere, perché sembrerebbe quasi che per andare d’accordo sia necessario annullare la propria identità, rinnegando il proprio credo. E invece sono convinto che la ragione sia un’altra. L’identità di ognuno infatti resta ben radicata ed è fondamentale per iniziare un cammino di pace verso l’Altro.
Forse bisogna ripartire dall’umano per compiere un cammino verso Dio. Perché soltanto nell’essenzialità è verificabile il contatto con colui che è Verità.
Forse questo luogo che dista soltanto 40 minuti circa di macchina da Gerusalemme, la città santa per eccellenza, dove le tre religioni del ceppo biblico ritrovano le proprie origini, è un monito contro l’umana strumentalizzazione del sacro, che diventa prevaricazione, divisione e consumo.
Forse Neve Shalom è l’ombra di Gerusalemme, l’eco profetico della meta comune a tutti gli esseri umani, quello della vera pace dei cuori.
E forse la Casa del Silenzio altro non è che il grido di Dio contro il nostro scegliere un cammino che ci allontana da Lui.

In un momento in cui le relazioni israelo-palestinese sembrano essere ormai intrise solo di ostilità e odio, in questo villaggio la gente crede ancora nella possibilità di costruire ponti di pace, così da far germogliare la speranza per un futuro migliore. Una speranza che si estende a tutto il Medioriente.

Ma anche a tutto il resto del mondo, Italia compresa…

bambini arabo e ebreo
 

indicazione neve shalom

“Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.”
(dal Vangelo secondo Matteo 5:9)

Una luce splende tra le divisioni

santo sepolcro

L’anno scorso, ad agosto, sono stato una settimana in Israele. Si è trattato del mio secondo viaggio in Terrasanta. Tornato nel Santo Sepolcro volevo rivedere un luogo in particolare, il più dimenticato dell’intera basilica. La cappella detta “dei Siriani”, contesa tra questi ultimi e gli armeni nei diritti di custodia. Per via del disaccordo tra queste due confessioni cristiane la cappella risulta abbandonata a sé stessa, mal curata, sporca. Sembra incredibile eppure è così, per via di una contesa questo luogo non può essere toccato da nessuno! Eppure, nonostante questo vero e proprio scandalo, quella piccola stanza mi trasmetteva una pace misteriosa. In mezzo alle sue mura scrostate, annerite e sporche mi sentivo protetto. Tra le sue ferite e lacerazioni avvertivo la presenza di un amore che andava oltre le nostre misere divisioni e contese di parte.

Incomprensioni e voglia di potere, da cui nasce il rancore reciproco, l’odio e l’ostilità. Uno scatenarsi di male reciproco che esclude la gioia di crescere insieme nell’ardore di costruire “terre di mezzo”. Si tratta dell’idea di sé stessi, un’idea che diventa radicale, arrogante e totalitaria. Deformandosi in ideologia.

Io sono la mia idea, senza di essa non sono.

Quanto abbiamo bisogno di ritrovare la pace nei nostri cuori. Una riconciliazione che deve stabilirsi innanzitutto con noi stessi…cercando di generare un noi solidale. Per ritrovarci parte dello stesso cammino. Perché nonostante tutto una luce splende tra le divisioni.

L’unità, miracolo da tutelare e coltivare con pazienza e amore.

Da difendere da chi ne prova invidia e pregiudizio.

Dono di sé.

Bellezza infinita, scintilla d’eternità…

da “La piuma tra cielo e terra” di Simone Caruso

 

santo sepolcro 2.jpg