Il distacco dal potere, la povertà che rende ricchi e uno sguardo rinnovato… Grazie papa Francesco!

papa francesco chiesa povera

Quanto ci sta insegnando papa Francesco, un uomo saldo e coerente nell’amore e nella verità. Come sarebbe diverso il mondo se tutti fossimo capaci di guardare chi ci sta accanto con quegli occhi interessati e pieni di speranza, senza pregiudizio alcuno. Uno sguardo che chiama per nome e rimane impresso nel cuore. Uno sguardo semplice e rinnovatore, umile e potente. Uno sguardo traboccante d’amore, amore di Dio verso ogni essere umano.

La povertà inizia da qui penso, da uno sguardo che ha fame e sete di dono di sé per gli altri. Il distacco dal potere rende ricchi di umanità e avvicina a Dio. Essere consapevoli della propria miseria rende liberi…

Grazie papa Francesco.

http://www.famigliacristiana.it/articolo/il-papa-firenze-alla-chiesa-italiana-siate-liberi-non-ossessionati-dal-potere-vicini-alla-gente.aspx

La religione e il fanatismo economico – Diego Fusaro

consumismo03[1]

Il fanatismo economico della società dei consumi rende l’individuo senza identità, senza famiglia, senza valori e anche senza religione; l’individuo viene integralmente plasmato dal capitale e dalla sua fantasmagorica macchina dei desideri…

Rendiamoci conto una volta di più che la dittatura del consumo vuole renderci tutti allineati, spersonalizzati, utili soltanto allo sfruttamento totalizzante delle nostre identità. Diciamo no alla mercificazione dell’essere umano.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/08/la-religione-sotto-scacco/2199697/

Kobane ha resistito. E noi?

 

kobane-page-001_1131x800[1]

Forse dovremmo coltivare oasi di resistenza nel nostro cuore,

nella nostra mente, nei nostri sogni, nei nostri gesti,

nei nostri sguardi e nelle nostre scelte.

Coltivare e custodire oasi di resistenza da un pensiero unico

che vuole allineare tutto e tutti, mitizzando diritti individuali per

omologazioni collettive, bandendo la ragione per legiferare l’irreale,

promettendo libertà per le gabbie di domani.

E quelle gabbie saranno diverse da quelle del passato, perché quelle

sbarre le costruiremo noi stessi, nel nostro cuore, nella nostra mente,

nei nostri sogni, nelle nostre azioni…

Dobbiamo coltivare oasi di resistenza, vere “terre di mezzo” dove il potere

non potrà mai trovare possibilità di accesso.

Dove molteplici  diversità

concorreranno alla creazione di un bene comune.

Imitando la resistenza dei curdi a Kobane, contro l’Isis.

Siamo chiamati a prendere esempio da questi uomini e da queste donne

che in nome della libertà sono disposti a sacrificare la propria vita,

facendolo anche per noi tristi e pavidi europei.

Kobane ha resistito.

E noi nel frattempo, cosa facciamo?

Part-PAR-Par8087458-1-1-0[1]

Leggi : http://www.limesonline.com/dentro-kobane/76243

Per salvarli e per salvarci. Marina Corradi, Avvenire

aleppo-syria[1]

Un articolo pieno di umanità e solidarietà, parole dense di bellezza, tristezza e poesia. Un mirabile editoriale di Marina Corradi, scritto sull’Avvenire del 29 agosto 2015.

Una domanda che come riflesso di ogni parola scritta nell’articolo, risuona come eco assordante e assillante…

“Uomo dove sei?”

http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/per-salvarli-e-salvarci.aspx

Pasolini ucciso una seconda volta – Ilfattoquotidiano.it – Diego Fusaro

Il potere distorce e annacqua le verità scomode.

Così anche un personaggio controcorrente come Pasolini, oggi diventa oggetto da esposizione del grande show business del pensiero unico.

Riflettendo sulle celebrazioni dedicate ai 40 anni dalla sua morte, il filosofo Diego Fusaro sostiene giustamente che Pasolini “non lo si deve mai ricordare come colui che disse apertamente che “l’antifascismo archeologico” e liturgico serve oggi da alibi per legittimare la società dei consumi e il classismo planetario, ossia il nuovo fascismo che si presenta come libertà universale”.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/02/pasolini-ucciso-una-seconda-volta/2180845/

Schemi mentali

20150823_093736[2]

Oggi voglio darmi una missione, quella cioè di non crearmi aspettative dalla vita. Troppo spesso ho agito volendo prevedere tutto, coltivando orgoglio e presunzione. Anteponendo i miei bisogni al bene comune.

Da oggi voglio pormi maggiormente in ascolto…

Dissolvere i propri schemi mentali per far sì che il vento dello Spirito possa creare l’inaspettato, anche dove sembra non esserci speranza alcuna.

Persino da un terreno arido è possibile scorgere la via della bellezza…